questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Julia Roberts: alla ricerca di se stessa!

Attualità

06/08/2010

Il 17 settembre arriverà sui nostri schermi, distribuito da Sony Pictures, l’attesissimo Mangia, Prega, Ama, titolo originale: Eat, Pray, Love. Se provate ad andare a cercare il libro autobiografico di Elizabeth Gilbert – da cui è stato tratto il film – non lo troverete perché è esaurito. Attualmente è in ristampa e uscirà a ridosso del film. Diretto dal Ryan Murphy, ideatore della serie Tv Nip/Tuck e del lungometraggio Correndo con le forbici in mano, è la storia di Liz Gilbert (Julia Roberts) un’americana frustrata dalla vita che s'imbarca in un viaggio di crescita e autocoscienza all'insegna del piacere del vivere, del cibo (dove l'Italia/Roma ovviamente domina), della meditazione (in India) e della riscoperta dell'amore (a Bali, grazie all'incontro con il fascinoso Javier Bardem). Protagonista assoluta la brava e bella Julia Roberts. Nel cast inoltre Billy Crudup nella parte del marito abbandonato e James Franco in quella di un fugace amante.

La Roberts che ha 42 anni e che sceglie con molta cura i progetti in cui imbarcarsi, dato che ha tre figli e un marito, si è immediatamente innamorata di questa storia. A proposito del bestseller della Gilbert ha affermato: "L'ho letto quando è uscito, ma non avevo idea che sarebbe diventato il fenomeno che è diventato. Mi sento fortunata ad averlo letto allora perché non avevo pregiudizi e mi sono semplicemente divertita. La scrittrice è molto intelligente e ha grande capacità di osservazione, è affascinante il modo in cui descrive i posti e la gente. Ero eccitata all'idea di rappresentare nel film la sua passione per la vita, per i posti dove va e per le persone che incontra".

 

"L’altro aspetto fondamentale – continua Julia che ho posto come condizione per girare il film è che ci recassimo veramente nei luoghi visitati dalla scrittrice. Per un attore è importante recitare nel posto giusto: aiuta a provare - e a trasmettere - le stesse emozioni che il personaggio ha provato viaggiando. È una condizione che ho posto fin dall'inizio: volevo mangiare nei veri ristoranti descritti nel libro, viaggiare in quegli stessi posti, vedere quelle isole, incontrare quegli elefanti, stare sul tetto dell'ashram in India dove il mio personaggio ha una lunga conversazione con Richard Jenkins, una delle scene e dei miei posti favoriti di tutte le riprese".

 

La Roberts assolutamente soddisfatta del risultato, afferma scherzando che, l’unico problema che si è ritrovata ad affrontare sono i chili in più che ha messo su in Italia. "Accidenti, ho messo su cinque chili a Roma, non facevamo altro che mangiare, e io mangiavo davvero, non facevo finta di mettere in bocca per poi sputare subito dopo tutto... come resistere a quegli spaghetti al pomodoro? La realtà è che a Roma è impossibile mangiare male. È la terza volta che ci lavoro ed è sempre bello tornarci. È una città che ti accoglie con tanto affetto. E la ragione per cui lei sceglie di andare a Roma è proprio quello: lasciarsi andare e godersi la vita prendendosi cura di se, anche se questo significa mangiare troppa pasta e troppe pizze".

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA