questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

John Turturro ha presentato a Roma Gigolò per Caso

Attualità, Conferenze stampa, Interviste, Personaggi

29/03/2014

Il 29 marzo a Roma il simpaticissimo John Turturro ha incontrato la stampa presso l’Hotel Baglioni di Via Veneto, per presentare il suo nuovo film Gigolò Per Caso, che lui dirige e interpreta insieme all’inimitabile Woody Allen. L’attore di origini siciliane si avventura nei panni di un aspirante gigolò, Fioravante, che, dopo aver chiuso la sua antica libreria per la crisi economica, viene convinto dall’amico e collega Murray, ad iniziare questo genere di intrattenimento per le donne sole e tristi. Il mestiere più antico del mondo diventa un pretesto intorno al quale Turturro riesce a costruire una commedia perfettamente riuscita, esilarante e delicata, con uno stile indubbiamente vicino al suo mentore, dai dialoghi brillanti e pungenti, allo sfondo di una New York retrò e moderna nello stesso momento.

Ho parlato dell’ idea del film con il mio barbiere che è anche il barbiere di Woody, così lui lo ha detto a Woody. Dopo ci siamo incontrati e abbiamo parlato del progetto” ha esordito Turturro in apertura della conferenza stampa, creando subito un clima amichevole e familiare, proprio di un grande intrattenitore e artista. Risulta facile ironizzare sul suo fisic du role nei panni di un fioraio che si trasforma in gigolò che sa come comportarsi con le donne, intrigate e rapite dal suo modo di fare. Scherzando sul suo ruolo Turturro afferma che “l’idea di base era mettere nei panni di un pigolò un uomo normalissimo. Per questo nelle varie scene non appare mai troppo nudo. Sembra un po’ un gigolò agente segreto che riesce a fare sesso senza spogliarsi. Ognuno di noi in fondo è la star della sua vita, ha la sua sensualità. Mick Jagger per esempio, sul quale ironizzo con un battuta nel film, è considerato sexy nonostante sia non proprio bello. Il sex appeal ha molte forme diverse. Spesso molti bellissimi, come i modelli, sono incapaci di attirare attenzione con la loro espressività. Per esempio una mia fidanzata di quando ero giovane, pensava che Woody Allen fosse sexy, nei suoi film era spesso il protagonista romantico. Io mi chiedevo cosa ci trovasse in lui, ma quando l’ho conosciuto e mi guardava in quel modo, ho capito il perché. Immaginate Woody Allen e Lars Von Trier insieme in Nymphomaniac 3 e io dirigo” conclude trascinando la sala in sonore risate.

Nel film visto in versione originale, si nota l’intrusione di battute in italiano e in spagnolo recitate dal protagonista, a testimoniare la natura cosmopolita di New York, ma anche l’amore che lega Turturro all’Italia, come si evince anche dal documentario Passione che realizzò tempo fa a Napoli. Grande protagonista di questo suo nuovo film è tuttavia la musica, della quale egli confessa: “Ho scritto gran parte del film con la musica in testa, poi ascoltavamo la musica sul set…insomma la musica è stata una parte importante del processo creativo del film, parte del DNA del film. Per esempio la prima volta che Avigal, il personaggio di Vanessa Paradis, va a casa di Fioravante avevamo provato delle musiche ebraiche, poi ho sentito un brano di Dean Martin e mi sono accorto che andava benissimo quello per la scena”. Spesso siamo attratti da persone che sanno fare molte cose con le mani, come un fioraio, un meccanico etc… persone che hanno una grande manualità. Un tipo di uomo poi è a suo agio con le donne, anche se non ha una relazione stabile con una di loro. Semplicemente ama le donne, ama passare il tempo con le donne. Ne ho conosciuti molti così tra i miei amici, e ho cercato di mettere insieme queste qualità nel personaggio del film”. Tra il sorriso e alcuni momenti di tenerezza, Gigolò per Caso approfondisce il tema della solitudine delle persone nel mondo attuale, e l’estremo bisogno di condividere la propria vita con qualcuno. Infatti Turturro sottolinea:  “In questo film la prostituzione è più usata come una metafora per esprimere il desiderio, la fame di contatto con un’ altra persona, di essere ascoltati, toccati e apprezzati. Il film parla soprattutto di amicizia e solitudine, perché oggi capita spesso di sentirsi solo anche se sei impegnato in una relazione”.

Oltre al grande Woody Allen, che Turturro afferma di aver diretto molto facilmente, il cast vanta star femminili di notevole talento come Sharon Stone, Sofia Vergara e Vanessa Paradis. Sul loro coinvolgimento in questo film l’attore e regista ha dichiarato: “Oggi al cinema non è frequente avere ruoli interessanti per le donne. Di solito nei film c’è un ruolo femminile e venti ruoli maschili. Sharon era perfetta per questo ruolo, e per il personaggio di Sofia Vergara mi sono ispirato ad una mia amica che ha lo stesso carattere” e interrogato ironicamente sul suo stato d’animo provato a girare con loro scene esplicite visto il loro aspetto fisico, egli ha detto senza esitazione: “Ho perso 20 chili per la scena del menage a trois”. Anche se nella sceneggiatura si avverte la presenza di Allen in ogni battuta e inquadratura, Turturro racconta che la sceneggiatura è completamente opera sua, anche se ogni tanto dopo aver scritto alcune pagine, le ha fatte leggere ad Allen che spesso le stroncava con critiche brutali. “Per la mia esperienza lavorare con registi di un certo calibro ti permette di osservare quello che fanno, ma tu devi imparare e poi sviluppare un tuo percorso. Spero di esserci riuscito con il mio lavoro. Spesso si pensa che il film sia opera di una persona sola, come il regista, ma in verità è un lavoro di gruppo, ognuno ha dato il suo contributo importante in questo film”. 

Non è un segreto che John Turturro sarà presente nel prossimo film di Nanni Moretti, del quale le riprese sono terminate da tempo, per quanto lo riguarda. Nella conferenza stampa non si è lascito andare molti dettagli in merito, ma ha dichiarato che è stata un’ esperienza molto interessante, che la sceneggiatura era ben scritta e che ha recitato solo in italiano. Il film sarà presentato in anteprima al Bari Film Festival e arriverà nelle sale italiane il 17 Aprile distribuito dalla Lucky Red.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA