questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Italiani diventate i Numeri 1 nella Sanità!

24/08/2007

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'Italia è al secondo posto per sistema sanitario, la Francia al primo e gli Usa al 37°. E così Michael Moore, a Roma per la promozione di Sicko (da oggi nei cinema), ci sprona a battere i cugini francesi e dice: "Li avete già battuti su un campo di calcio potete farlo anche in quest'altro campo". E ci suggerisce anche come.


E' un fiume in piena Michael Moore. Un fiume in piena di intelligenza, simpatia e buon senso, nonostante, a volte, sia accusato di avere una visione unilaterale della realtà. Non ci pare che sia così. Fisicamente è uguale a come appare nei suoi film. Tutto grande nella parte superiore, indossa una t-shirt e bermuda dove spuntano le gambette un po' più magre, cappellino rosso da baseball e occhialini da vista. Scherza, ride, racconta barzellette, parla di Gesù, della Bibbia e  - si scusa per l'accostamento - anche di Berlusconi. Della sua amica Sabina Guzzanti (che in realtà definisce una sorella, almeno a livello artistico) che stasera lo accompagnerà al cinema 4 Fontane di Roma per l'anteprima di Sicko che esce oggi in tutta Italia, distribuito da 01 Distribution, con 250 copie. E' presente anche il Ministro della Sanità Livia Turco, che non vuole parlare, poi alla fine della conferenza esprimerà anche un suo giudizio sul film, che, afferma: le è piaciuto molto. Sicko è un documentario alla Michael Moore (chi ha visto Fahrenheit 9/11 o Bowling a Columbine sa cosa aspettarsi), un'indagine spietata e ironica sul sistema sanitario americano che, per riassumere in poche righe, funziona solo per i ricchi. Chi può pagare si fa una assicurazione sanitaria che, però, non gli copre tutto, per alcuni tipi di interventi o terapie bisogna pagare a parte. Risultato: delle cifre salatissime. Ulteriore risultato: 250 milioni di americani hanno un'assicurazione, 50 milioni di americani non ce l'hanno e quindi non hanno diritto ad essere curati. Dice Moore: "Questo è un crimine!". Vi invitiamo ad andare a vedere Sicko perché quello che è raccontato è oltraggioso, insopportabile, nonostante Moore cerchi, con il suo umorismo innato, di mettere ironia in situazioni già di per sé surreali. Peccato che corrispondano alla realtà di tante persone. Nel film Moore va a Parigi per visitare la capitale del Paese che è in testa alla classifica dell'OMS, cerca - inutilmente perché glielo vieteranno - di sbarcare a Guantanamo insieme ad alcuni vigili del fuoco di Ground Zero malati per portarli all'ospedale del carcere e poi dirotta su Cuba, per scoprire che il sistema sanitario dell'isola di Castro è eccellente. Le critiche che sono arrivate al documentario, che comunque è piaciuto molto, ha riscosso ottime recensioni ed è andato molto bene al box office Usa, sono date proprio dall'avere, forse, incensato un po' troppo gli altri Paesi rispetto agli Stati Uniti d'America. E a proposito del nostro sistema sanitario dice: "E' brutto essere i numero 2, perché non cercate di diventare i numero 1, battendo la Francia. Un suggerimento: togliete tutti i finanziamenti che vanno a guerre illegali, come quelle che fa il mio Paese, e dirottateli sulla Sanità. Vedrete che diventerete i numero 1".

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA