questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Intervista a Mattia Guerra, Direttore della Distribuzione della Società di Andrea Occhipinti.

Trade

24/11/2011

Un listino che fa paura

"Uno dei listini più forti di sempre della Lucky Red con una decina di titoli solo nel primo semestre. Un listino molto impegnativo con quasi due uscite al mese tra film di qualità e pellicole più commerciali". Molto cinema di genere: horror, thriller, action, accanto al classico cinema d'autore. Ne parliamo con Mattia Guerra, Direttore della Distribuzione della Società di Andrea Occhipinti.

Cosa porterete a Sorrento?

Oltre alla presentazione del listino, porteremo tutto il cast di Dieci regole per fare innamorare per raccontare come è nato e come sarà questo progetto. Infine faremo l'anteprima di Tre uomini e una pecora (A few best men), una wedding comedy scritta dall'autore di Funeral Party con un occhio a Una notte da Leoni, una commedia travolgente.

Può anticiparci qualche informazione sul listino che presenterete a Sorrento?

"Partiamo con il film di Natale, Emotivi Anonimi una commedia francese molto divertente e molto originale, con due interpreti eccezionali (Benoît Poelvoorde, Isabelle Carré). Il  14 gennaio abbiamo La chiave di Sara (Elle s'appelait Sarah) tratto dal bestseller di Tatiana De Rosnay la commovente storia di una bambina all'epoca di Vichy, durante la seconda guerra mondiale, con una straordinaria Kristin Scott Thomas che quasi sicuramente sarà candidata ai prossimi Oscar. E' uno dei film francesi di maggior incasso di sempre negli Stati Uniti. Due film a febbraio: Non avere paura del buio, un thriller gotico prodotto da Guillermo del Toro e interpretato da Kate Holmes  e Guy Pearce, pieno di sorprese e con un colpo di scena finale che non ha nulla da invidiare a The Others. A fine febbraio usciremo con Tre uomini e una pecora (A few best men) la nuova commedia di Stephen Elliot, che facciamo vedere a Sorrento, che sarà una delle più grosse uscite della Lucky Red del prossimo anno. 

Poi passiamo a marzo?

Ad inizio marzo approssimativamente usciremo con la commedia italiana Dieci regole per fare innamorare con la coppia inedita Vincenzo Salemme - Guglielmo Scilla. Quest'ultimo conosciuto come Wilwoosh, è un nuovissimo fenomeno tra i giovani, grazie ai suoi video  che su youtube hanno raccolto milioni di utenti. E' un nuovo personaggio di cui sentiremo molto parlare. Poi verso marzo/aprile avremo un altro titolo francese Polisse, che ha vinto il premio della Giuria a Cannes, un noir che ha incassato più di 15 milioni di euro in Francia che racconta la storia di un gruppo speciale di poliziotti (Brigata Protezione Minori) e che farà discutere molto.

Sempre tra marzo-aprile faremo uscire Killer Elite un action thriller ambietanto tra gli anni 70 e l'epoca moderna con un cast straordinario: Jason Statham, Robert De Niro e Clive Owen. Poi andiamo verso l'estate. Tra maggio e giugno uscirà il nuovo film di Guillaume Canet Piccole bugie tra amici, il più alto incasso della storia dei film francesi dopo Benvenuti al Nord, un grande freddo attualizzato ai giorni nostri, con un cast strepitoso: Marion Cotillard, Francois Cluzet e Benoit Magimel. Sempre in quel periodo dovrebbe uscire Wilde Salomè che abbiamo presentato a Venezia, una pellicola imperdibile per gli amanti del cinema e del teatro, in cui Al Pacino si misura con Oscar Wilde e Jessica Chastain con appunto, Salomè. Poi a giugno avremo l'horror Bed time firmato da Jaume Balaguerò, il regista di Rec e Fragile, un horror-thriller con al centro il personaggio di un grande cattivo.

Infine abbiamo The place beyond the pines di cui dobbiamo ancora verificare l'uscita. Un nuovo thriller con Ryan Gosling, l'attore per eccellenza del momento (Drive e Le Idi di marzo), Bradley Cooper altro attore lanciatissimo (Una notte da leoni, Limitless) ed Eva Mendes. Storia di uno stuntman  (come in Drive) che in gravi difficoltà economiche, comincia a frequentare il mondo della criminalità per mantenere suo figlio e la madre del bambino.

Cosa ne pensa della richiesta da parte della Siae di far pagare a tutti i siti cinematografici una tassa sui trailers online?

E' un argomento molto delicato su cui noi come categoria abbiamo espresso tutta la nostra perplessita. Il trailer è il primo strumento di promozione di un film,  e vederlo sparire da internet sarebbe un danno incalcolabile. Internet è un mezzo democratico che permette di fare attività in modo  molto targhetizzato, per cui far pagare la tassa a chi ci pubblicizza gratuitamente il prodotto mi sembra assolutamente un controsenso. Il trailer è uno strumento nato per pubblicizzare non per altri motivi.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA