questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Intervista a Filippo Roviglioni - AD 01 Distribution

Interviste, Trade

03/12/2009

"Anche quest’anno grazie alle politiche di Rai Cinema abbiamo opere di registi italiani importanti, accanto a tanti film internazionali che sulla carta dovrebbero darci soddisfazione - afferma Filippo Roviglioni, AD della 01 Distribution. "In questi giorni stiamo uscendo con L’uomo nero, un film autoriale di Sergio Rubini che stamane ha riscosso un notevole consenso di critica, e a Natale usciremo con Brothers di Jim Sheridan, una storia dove i destini di una famiglia si incrociano con la guerra".

"E poi da gennaio cominciamo con i film italiani rappresentati tra l’altro dal nuovo film di Salvatores, Ozpetek, etc. accanto ad opere importanti come Nine che si rifà un pò ad Otto e mezzo di Fellini, il film di The Book of Eli di Denzel Washington, The Ghost di Roman Polanski, che abbiamo visto a Parigi due settimane fa, che sarà presentato al Festival di Berlino, un film solido, classico, un thriller fatto molto bene. Abbiamo anche il film con Mel Gibson The Edge of Darkness e poi The Tree of Life di Terrence Malick con Brad Pitt e Sean Penn, un film che dovrebbe andare a Cannes. A seguire avremo il film di Avati, a marzo inizierà il film di Amelio, il film di Brizzi ai festivi di ottobre. Stiamo lavorando alla seconda parte dell’anno che quest’anno ci ha visti abbastanza defilati. Ci prospettiamo un anno più equilibrato e brillante. Tra l’altro Rai Cinema quest’anno all’American Film Market ha acquistato 4 titoli importanti: un film family in 3D, due film con Johnny Depp, insomma titoli che sulla carta appaiono già estremamente stimolanti e che riguarderanno, uno forse la fine del 2010 e gli altri 3 (sono quattro i titoli acquistati) il 2011. Rai Cinema conferma di voler restare in una posizione privilegiata, non rinunciando al suo dettame istituzionale che la vede in prima linea con film d’autore, con registi come Angelini, Salvatores, Ozpetek, Lucchetti, Amelio, Avati. Grazie a Rai Cinema difendiamo la posizione di tutto riguardo che abbiamo conquistato nel mercato italiano della distribuzione, con prodotti importanti che testimoniano che la politica iniziata da Giancarlo Leone e continuata da Caterina D’Amico sta sostanzialmente proseguendo".

Cosa ne pensa del 3D?

" Il 3D per il momento sta funzionando. Dobbiamo dare atto agli esercenti italiani che dopo un’inizio un pò timido si sono buttati nell’investimento necessario credendo in questo nuovo supporto visivo e i film funzionano, vanno bene. Non so se questo supporto aumenta gli spettatori, ma quanto meno fidelizza quelli che già ci sono. Ma il prodotto è sempre più difficile da reperire e il meccanismo del 3D è appannaggio soprattutto delle major che hanno una struttura e una quantità di storie e disponibilità finanziarie che consente loro di mettere in circolazione molti titoli di questo tipo. Questo fa benissimo al cinema perchè permette incassi che altrimenti sarebbe stato difficile avere e noi dopo la fortuna di avere avuto Viaggio al Centro della Terra non sappiamo quante altre cose riusciremo a trovare in questa corsa al 3D che si è sviluppata. Sul fronte italiano non abbiamo ancora idea di quando potrà partire un progetto che giustifichi questo marchio e sia all’altezza di questi prodotti che vengono da fuori".

 

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA