questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Insurgent, cosa ne pensa il mondo del sequel di Divergent

Attualità, Personaggi

18/03/2015

Dopo il primo capitolo Divergent del 2014, il 19 Marzo arriva nelle sale italiane il nuovo Insurgent, il secondo film della saga ispirata ai libri di Veronica Roth. Diretto da Robert Schwentke, il film segue Tris e la sua ricerca di alleati e risposte tra le rovine di una futuristica Chicago. Tris (Shailene Woodley) e Quattro (Theo James) sono in fuga, inseguiti da Jeanine (Kate Winslet), la leader degli Eruditi, una fazione elitaria assetata di potere. In corsa contro il tempo il gruppo di ribelli devono scoprire il motivo per cui la famiglia di Tris ha sacrificato la propria vita e perché i vertici degli Eruditi fanno di tutto per fermarli. Condizionata dalle scelte compiute, ma decisa a proteggere chi ama, Tris, con Quattro al suo fianco, affronta sfide impossibili fino a scoprire la verità sul passato e le conseguenze che avrà sul futuro del loro mondo. 

“Il secondo capitolo della serie The Divergent mostra alcuni sintomi del capitolo di metà trilogia, ma alla fine fa ritorno la maggior parte del cast guidato da Shailene Woodley, la regia di Robert Schwentke, gli effetti speciali impressionanti e un colpo di scena gelosamente custodito, che lo rendono speciale” ha scritto Screen International, sottolineando la riuscita di questo film che, nonostante un certo snobismo ingiustificato, è ampiamente in grado di competere con altre saghe del genere come Hunger Games o Twilight. La storia ricca di particolari, di situazioni coinvolgenti e curiose, e una sceneggiatura mai scontata e piena di sorprese, sono solo alcuni dei punti forti di questo Insurgent, che, nonostante il cambiamento della mente creativa al timone, risulta un film convincente e originale. 

Una volta che si ingoia la premessa iniziale, il film poi prende il via con tutta la convinzione della Woodley” ha aggiunto Empire. Infatti l’altra componente fondamentale della saga The Divergent è il cast che in questo secondo film, oltre alle star presenti fin dall’inizio, può contare su delle new entry irresistibili, come Naomi Watts. L’azione, gli effetti speciali mozzafiato, il dramma, e il sentimento si uniscono per comporre un’armonia accattivante ed innovativa, che brilla per la storia d’amore tra i due protagonisti, che dona quella vena di romanticismo forte ma mai invadente. La fantascienza e la realtà virtuale diventano protagoniste nel donare ad Insurgent un’estetica intrigante e affascinante che tiene incollati allo schermo. “Considerando che Insurgent vuole rappresentare la grande guerra civile della saga, tutto sembra una tempesta in un bicchiere d’acqua, ma un rimaneggiamento perfetto di quello che è avvenuto prima, condito con la promessa di una conclusione da sogno, confeziona un film convincente” ha sottolineato Variety. 

Insurgent un film che funziona meglio quando pone la sua eroina dentro le situazioni di realtà virtuale, con una scusa per rifuggere la logica e il contesto”  ha notato invece The Wrap con una punta di ironia. Dopo il primo film diretto da Neil Burger, Schwentke alla regia non ha abbassato il livello della saga, ma ha fatto del suo meglio per realizzare un film divertente, emozionante ed elettrizzante, che intrattiene e coinvolge, portando lo spettatore fuori dalla realtà. 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA