questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

In produzione il remake di ‘Radici’

06/11/2013

History Channell starebbe lavorando alla realizzazione del remake della miniserie Radici (Roots) tratta dal celeberrimo romanzo di Alex Haley e ispirato dalla storia della sua famiglia.

Distribuita per la prima volta in tutto il mondo nel 1977 Radici è stata la prima fiction a raccontare in maniera cruda e chiara la vita degli Afroamericani dal loro rapimento nel continente nero fino ad arrivare all'epoca moderna attraverso le generazioni di schiavi e di figli degli schiavi.

Vincitrice del Golden Globe la serie televisiva aveva come principale protagonista Levar Burton nel ruolo del primo schiavo Kunta Kinte. Burton che in seguito ha visto rinnovato il suo successo come parte del cast di Star Trek The Next Generation nei panni dell'ufficiale cieco Georgi LaForge ha dichiarato inizialmente di non capire bene 'perché' sia stata fatta la scelta di rifare una serie decisamente riuscita. "Per noi non si trattava solo di fare dell'arte" ha spiegato al New York Magazine "Per noi era un modo di fare progredire la cultura. E' stato un modo per riconoscere la profondità di una ferita e per iniziare a curarla. Radici è stato parte della fabbrica della cultura americana. Se, però, verrà rifatta per mostrare ancora un aspetto importante dell'animo umano, allora ne varrà davvero la pena." 

Un percorso culturale ideale iniziato con Radici e proseguito - tra gli altri - con film come Il colore viola, A spasso con Daisy, Amistad, Django, The Help  solo per citarne alcuni e adesso con 12 years a slave di Steve McQueen già regista di Hunger e di Shame: "Django è un fantasy che rispetto e che mi ha divertito, ma non è 'reale', mentre McQueen ha avuto il coraggio di mostrare in maniera accessibile tutta la brutalità della schiavitù." conclude Burton che a proposito del mito zuccheroso di Tara e di Via col vento sottolinea "A tutti piace sognare e dimenticare. Ci piace perderci nella favola di Tara, ma la realtà è che non basta dire 'io non c'ero' per pensare che le cose siano andate diversamente da quanto mostra McQueen. La realtà è che non si può cancellare il passato e dobbiamo essere tutti consapevoli dell'orrore e della brutalità di cui siamo capaci. Dobbiamo essere vigili per ricordarci la nostra propensione a diventare dei mostri. Per questo motivo di tanto in tanto dobbiamo rivisitare delle storie già raccontate, perché tutti quanti tendiamo a dimenticare."    

Scritto da Marco Spagnoli
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA