questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il sequel di Venerdì 13 verrà riscritto senza found footage

Attualità

19/05/2015

Brad Fuller, produttore del sequel di Venerdì 13 (Friday the 13th in lingua originale), la cui uscita è prevista per il 13 maggio 2016, ha recentemente svelato qualcosa a proposito del tanto atteso prossimo capitolo della saga horror. Innanzitutto, se l'idea iniziale era quella di ricorrere all'espediente del found footage – ovvero, del realizzare la pellicola tramite l'uso di un girato preesistente, successivamente ri-assemblato e ri-contestualizzato, Fuller ci svela che i piani sono radicalmente cambiati. "Quella era una strada che abbiamo provato ad esplorare per capire se potesse funzionare. Successivamente, Michael, Drew ed io abbiamo capito che non era fattibile, ed abbiamo quindi scelto di ricominciare da capo. Attualmente ci troviamo nell'ultima fase della riprogettazione, e contiamo di completare la stesura dello script nel prossimo mese, o forse tra due - e saremo finalmente pronti per tornare a Crystal Lake". Venerdì 13 è una delle espressioni più popolari del genere slasher, del resto, presenta tutti gli ingredienti del genere: un pazzo omicida mascherato (l'iconico Jason Voorhees) che dà la caccia ad un gruppo di giovani innocenti, uccidendoli – uno ad uno – in modo cruento, con armi da taglio, in particolare il machete. In realtà, il killer si scopre essere Pamela Voorhees, madre di Jason, annegato nel Crystal Lake, per via della negligenza del personale del campo estivo. 

Jason diviene una vera icona horror con la sua maschera da hockey sul volto ed il machete che brandisce nella mano destra. Il franchising del film comprende ben dieci standalone su Jason, un crossover che lo vede a confronto con un'altra icona dell'orrore, in Freddy vs. Jason (Ronny Yu, 2003), ed un più recente reboot del 2009. La saga ha toccato anche il piccolo schermo, ma ha avuto vita breve, inoltre, tale serie televisiva, nonostante il titolo, presentava una trama sostanzialmente disconnessa dal franchising cinematografico.

Questo nuovo progetto horror è affidato alla regia di David Bruckner. Mentre, tra i produttori figurano anche Michael Bay e Andrew Form, oltre al sopracitato Brad Fuller – il quale afferma di porsi come obiettivo quello di voler far amare, ancora una volta, Jason dal pubblico, senza trasmettere una sensazione di ripetitività. Del resto “Jason Voorhees è una presenza straordinariamente dinamica e la gente ama guardarlo far bene quello che fa”.

Scritto da Alexia Altieri
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA