questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il meglio dai grandi Festival. Laura Crivellaro, Direttore Marketing BIM

Interviste, Trade

03/12/2009

"Dopo il Mio Amico Eric di Ken Loach in uscita questo venerdì 4 dicembre, usciamo l’8 gennaio con il nuovo film di Fatih Akim, Soul Kitchen, che ha vinto il Premio della Giuria al Festival di Venezia. Akim cambia completamente registro con una commedia che è un mix tra arte culinaria, musica soul, amore e sesso".

"A seguire un altro film molto divertente, ancora una commedia, dal titolo Il Concerto di Radu Mihaileanu il regista di Train de vie, che ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico al Festival di Roma. Una storia molto divertente segnata dal tocco d’ ironia che contraddistingue questo regista rumeno. A febbraio faremo uscire il film francese Un Profeta di Jacques Audiard, premio della Giuria a Cannes, il film candidato a rappresentare la Francia agli Oscar, e inoltre con cinque candidature a quelli europei. Una storia carceraria molto forte, con un protagonista indimenticabile. All’inizio di marzo invece faremo uscire il Leone D’Argento Donne senza uomini della video-artista Shirin Neshat. Succesivamente, alla fine di marzo, due settimane prima di Pasqua, un’altra commedia, da cui ci aspettiamo molto, dal titolo Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, tratta da un classico della letteratura francese per l’infanzia. Una commedia per famiglie ambientata negli anni ’50, interpretata da Kad Mérad, il meraviglioso attore di Giù al nord, e che ha totalizzato in Francia circa sei milioni di spettatori".

"A maggio, come il primo episodio, il terzo ed ultimo capitolo della trilogia Millenium: La regina dei castelli di carta e, sempre a maggio, avremo anche noi un film in 3D, Piranha, remake del classico horror. Tra gli altri titoli del listino il film del Premio Oscar Sam Mendes dal titolo Away we go, storia di una coppia che cerca la casa ideale per far nascere il proprio bambino, ed un altro film premiato a Cannes, Les herbes folles (Gli amori folli) di Alain Resnais, Premio della Giuria a Cannes. Per finire, altri due titoli presentati a Cannes ed accolti con grande attenzione dalla stampa internazionale, l’iraniano I gatti persiani, ed il film di Elia Suleiman, The time that remains, una commedia politica, molto irriverente e molto interessante".

 Un listino di assoluto rilievo sul piano autoriale e già pieno di Premi importantissimi.

 Speriamo che questo aiuti i film, purtroppo non è sempre così. Siamo usciti recentemente con un film meraviglioso come Lebanon, vincitore del Leone D’Oro al Festival di Venezia e francamente non ci ha dato grandi soddisfazioni. Comunque era un film molto difficile, perchè ambientato all’interno di un carrarmato. Comunque l’eccellenza artistica è quanto contraddistingue, non da ora, le scelte di Valerio De Paolis.

 Come valutate la crisi dei cinema cittadini, che tradizionalmente veicolano il cinema di qualità?

Siamo preoccupati, il pubblico dei film d’autore si è ridotto e noi facciamo sicuramente più fatica. Credo sia interesse di tutti salvaguardare i cinema cittadini. Certamente il nostro pubblico non è quello classico dei multiplex, anche se mi auguro, e determinati multiplex già lo fanno, che diano maggiore spazio al cinema d’autore. Ci sono dei multiplex più ‘illuminati’ di altri. Bisogna far sapere al pubblico che ama il nostro cinema che in determinati multiplex possono trovare anche i nostri film.

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA