questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il Demone dell’Acqua, il cortometraggio in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival

News

25/10/2017

Il cortometraggio intitolato Il Demone dell’Acqua, scritto e diretto da Cristian Tomassini e prodotto da INDIVISION, sarà presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival il giorno 1 Novembre 2017, all’interno della sezione Spazio Corto di Spazio Italia. Il Demone dell’Acqua partecipa alla concorso per l’assegnazione del premio CineLAb, organizzato in collaborazione con il DAMS – Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo, Corso di studi inter-ateneo Università degli Studi di Udine e Università degli Studi di Trieste, riservato al miglior cortometraggio italiano presentato nella sezione Spazio Italia | Spazio Corto. Il Demone dell’Acqua racconta un incubo sul potere fatto da un migrante durante la sua terribile traversata del mediterraneo. Un sogno iperbolico e psichedelico sul potere fatto da chi non ha mai potuto averne, che diventa tragedia non appena l’eccesso porterà all’autodistruzione del protagonista. Nel cast Anthony Thay Ogbemudia, Maria Vittoria Casarotti Todeschini e Sara Zampollo.

Sinossi Ufficiale Kanu è un ragazzo etiope che sogna una nuova vita in Europa, a bordo di un barcone pieno di anime disperate. Speranzoso tiene tra le mani una lettera della quale non si comprende inizialmente la provenienza. Dopo alcuni istanti si addormenta con il sorriso sulle labbra e il barcone è vittima di un terribile naufragio, rappresentato da un incubo psichedelico e simbolico del protagonista. Kanu sogna di essere Kurtz, l’ultimo dittatore di un impero decadente asserragliato su di un’ antica villa europea. Una voce fuori campo proveniente dalla sua segretaria (caucasica) ci descrive gli ultimi momenti della sua vita che, in preda agli ultimi deliri di onnipotenza di quest’ultimo, risveglia attraverso dei riti magici una strega per affidarle il compito di porre fine alla sua esistenza. Intanto dell’incubo restano continui rimandi alla realtà di Kanu: l’acqua inizia ad invadere la villa e i suoni del naufragio sono sempre più presenti. A rito compiuto la strega uccide Kurtz soffocandolo con l’acqua. Il giovane Kanu esanime e straziato si ritrova su una battigia del Mediterraneo. Al suo fianco la lettera che egli legge prima di addormentarsi come un monito della madre sulla corruzione e sul potere.

Cristian Tomassini è nato a Cittadella nel 1985. Dopo la laurea in Comunicazione di massa nel 2011 inizia l’attività di videomaker, concentrandosi sulla produzione di video industriali, spot, grafiche animate e videoclip musicali. Fonda con Marco Businaro la casa di produzione Anima Film per video commerciali, e istituisce l'associazione INDIVISION nel Padovano con un gruppo di colleghi del settore cinematografico locale, con l'obiettivo di produrre cinema indipendente. Ha co-diretto il mediometraggio Crisi (2010) e la serie Onyros (2016). Ha scritto e diretto il cortometraggio Il Demone dell'Acqua nel 2017 sempre con INDIVISION.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA