questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il ciclo bestseller de L’amica geniale di Elena Ferrante diventa serie tv internazionale

Attualità, News, Serie TV, TV

10/02/2016

lamica-geniale-serie-tv

L'amica geniale è un romanzo italiano di Elena Ferrante, pubblicato nel 2011. È il primo volume di un ciclo del quale sono usciti altri tre libri: Storia del nuovo cognome, Storia di chi fugge e di chi resta, Storia della bambina perduta.
Saga amatissima in Italia ma ancora di più in America dove l'ultimo capitolo è stato addirittura inserito dal New York Time tra i dieci migliori libri del 2015

Il titolo di questa serie che si dividerà in quattro stagioni (una per ogni libro?) sarà The Neapolitan Novels, titolo inglese visto che  verrà prodotta da Fandango e Wildside a cui si aggiungeranno altri nomi stranieri ancora sconosciuti. Domenco Procacci e la sua Fandango stanno studiando il romanzo e la sua trasposizione televisiva già da qualche anno, prima in collaborazione con Rai Fiction, ma non ha mai preso una via concreta. Con ll'entrata in campo di Lorenzo Mieli e Mario Gianani e la loro Wildside ecco che il progetto ha preso il volo.

Sarà quindi una serie tv a livello internazionale, la sua sceneggiatura sarà curata con l'aiuto della stessa scrittrice Elena Ferrante che non ha mai mai svelato la propria identità, ed è  apprezzata in Italia e all'estero soprattutto in America, ed è stata autrice anche di L'amore Molesto da cui Mario Martone ha tratto il suo film, e di I giorni dell'abbandono con il film omonimo di Roberto Faenza.

amica-geniale-ciclo-elena-ferrante


Il ciclo de "L'amica geniale", con i quattro romanzi sono stati pubblicati in Italia da Edizioni E/O ed  è davvero avvincente. Piace soprattutto a un pubblico femminile e una volta terminato lascia un grande vuoto a chi si è fatto rapire dalla emozionante trama e dalle sue indimenticabili protagoniste.

Una volta immersi in quel mondo così ben raccontato, conquistati  dalle intricate vicende, risulta davvero doloroso staccarsi da Raffella Cerullo ed Elena Greco, le protagoniste. Che conosciamo bambine sui banchi di scuola, agli inizi degli anni '50, nel loro "rione" a Napoli.  Le vediamo poi lottare per poter studiare oltre le elementari e fare scelte diverse, in cerca di libertà e indipendenza, come sposarsi a 16 anni con un buon partito o frequentare il liceo classico. Le vediamo innamorarsi di uomini sbagliati (quasi tutti), diventare, mogli, madri, donne di successo, donne di potere o intellettuali impegnate. Le vediamo affrontare la malavita, i padroni ingiusti e violenti, l'incomprensione delle madri e della famiglia, la malattia fisica e quella mentale. Le vediamo desiderare e poi  amare e maltrattare i loro figli. Trasformarsi da brutte a bellissime e poi ancora brutte, da povere a ricche, da giovani a vecchie.  

Ecco allora lo spunto per una nuova e interessante fonte di discussione: chi interpreterà Lina, Lenù, Nino, Michele, Pietro e tutti gli altri?

Scritto da Stefy
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA