questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il Cavallo da guerra di Steven Spielberg fa incetta di Oscar del teatro

Attualità, Eventi

13/06/2011

(New York) – Steven Spielberg sarà certamente molto soddisfatto dei risultati della serata di premiazione degli Antoinette Perry Award for Excellence in Theatre, conosciuti universalmente come i Tony Award, che riconoscono le eccellenze del teatro di Broadway e sono promossi dall’ American Theatre Wing and The Broadway League: War Horse la tragedia della Prima Guerra Mondiale vista attraverso lo sguardo di un cavallo scritto da Nick Stafford ha collezionato cinque premi tra cui quello come Miglior Dramma. Il film, il primo del regista americano distribuito dalla Disney, uscirà negli Stati Uniti a Natale per arrivare, poi, in Europa a metà gennaio e, in particolare, in Italia il 20.

E dire che anche un altro film di Steven Spielberg, diventato musical, ha visto l’affermazione del suo protagonista come migliore attore in questa categoria: Norbert Leo Buzz ha ottenuto il riconoscimento, infatti, grazie a Prova a prendermi.

A dominare la serata della Sessantacinquesima edizione dei Tony tenutasi al Beacon Theatre di New York presentata da Neil Patrick Harris, l’attore noto in Italia per il suo ruolo nella serie Alla fine arriva mamma (How I Met your mother) è stato, però, The Book of Mormon l’irriverente storia di due mormoni mandati in una missione complicata, scritto dagli autori di South Park, Matt Stone e Trey Parker insieme al creatore di Avenue Q, Robert Lopez. Il ‘musical’ preferito da Dio, come recitano i cartelli pubblicitari a Times Square, ha vinto anche l’ambito riconoscimento per la regia. Tra i vincitori spicca anche il nome di Frances McDormand per The Good People. L’attrice moglie del regista Joel Coen e recentemente apprezzata in This Must be the Place di Paolo Sorrentino, ha portato via il premio dalle mani di Vanessa Redgrave che era stata nominata per A Spasso con Daisy.

Tra gli sconfitti spiccano i nomi di Daniel Radcliffe che, in verità, non era stato nemmeno nominato per la sua performance nel revival del musical How to succeed in business without really trying così come era stato del tutto ignorato Spider Man – Turn off the Dark. Nominato, ma senza fortuna, Al Pacino per il suo ruolo di Shykock ne Il Mercante di Venezia che aveva portato al cinema qualche anno fa per la regia di Michael Radford. Nessun premio nemmeno per la versione musical di Donne sull’orlo di una crisi di nervi e per Sister Act ispirato dal film con Whoopi Goldberg che è anche produttrice di questo musical, presente anche sulla scena a Londra. Da notare che Ellen Barkin, invece, protagonista, tra l’altro, proprio con Al Pacino negli anni Novanta del thriller Seduzione Pericolosa (Sea of Love) ha conquistato il premio come migliore attrice non protagonista in The Normal Heart.

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA