questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I Vincitori del Festival di Courmayeur

Attualità, Eventi

14/12/2009

La Giuria Internazionale del XIX Courmayeur Noir in Festival, presieduta da James Sallis (scrittore, Stati Uniti) e composta da Samuele Bersani (musicista, Italia), Donatella Finocchiaro (attrice, Italia), Jorge Guerricaechevarria (sceneggiatore, Spagna), Melanie Lynskey (attrice, Nuova Zelanda), dichiara che: “vista l’alta qualità dei film in concorso, la giuria ha avuto non poche difficoltà a scegliere i titoli da premiare”, e ha quindi attribuito i seguenti premi:

Leone Nero per il miglior film

VENGEANCE di Johnnie To

(Hong-Kong, distribuzione italiana Fandango)

per la forza visiva e narrativa delle immagini di un’amicizia estrema e per l’abilità del

regista di fondere commedia e thriller in un modo avvincente.

 

Premio Speciale della Giuria

BLACK DYNAMITE di Scott Sanders

(Stati Uniti, distribuzione internazionale T&C Pictures Int’l)

per la scrittura intelligente, innovativa, ironica e le eccellenti interpretazioni. Il film,

divertente dall’inizio alla fine, ha anche una indimenticabile colonna sonora originale.

Premio per la Migliore Interpretazione, ex-aequo:

FLORENCE LOIRET-CAILLE in LA DAME DE TRÈFLE di Jérome Bonnell

(Francia, distribuzione internazionale Le Pacte) e

EMIR KUSTURICA in L’AFFAIRE FAREWELL di Christian Carion

(Francia, distribuzione internazionale Pathé Distribution)

Tra le tante ottime interpretazioni abbiamo scelto due notevoli performance: Florence

Loiret-Caille e Emir Kusturica. La prima per il ritratto sfaccettato e coraggioso di una

donna allo stesso tempo fragile e feroce, e il secondo per la spontaneità e naturalezza con

cui ha rappresentato un traditore appassionato e tradito.

PREMIO DOCNOIR per il Miglior Documentario

La Giuria di Giovani Critici Europei composta da Louise Burkart, Davide Latocca,

Arianna Viglino, Alexine Dayné, Alessio Zemoz, Mandy Cornelis, Marie Guérin,

Frédéric Ravach, Camille Brunel, Alexis Fradier, assegna il premio DOCNOIR 2009 a

KILLER POET di Susan Gray

(Stati Uniti, produzione Northern Light Production)

Il film si distingue rispetto alle opere presentate in concorso per la coerenza tra soggetto e

messa in scena, ci colpisce per la sua parabola esistenziale tormentata e originale e per

l'approccio profondamente umano della regia che ci restituisce questa storia in tutta la sua

emozione.

La Giuria ha inoltre attribuito una Menzione speciale a

ENTRE OURS ET LOUP di Denis Sneguirev

(Francia/Russia, distribuzione internazionale Bel Air Media)

per la forza della sue scelte estetiche e per l'originalità dello sguardo.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA