questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I Vent’anni del Courmayeur Noir in Festival (7/13 dicembre)

Attualità

17/11/2010

Il Courmayeur Noir in Festival, diretto da Giorgio Gosetti, Marina Fabbri, Emanuela Cascia, festeggia quest’anno la sua ventesima edizione dal 7 al 13 dicembre con un programma che ne sottolinea il carattere interdisciplinare tra cinema, letteratura, televisione e new media ma soprattutto l’unicità di un irrinunciabile appuntamento culturale e spettacolare con tutte le sfaccettature del volto oscuro della nostra società.

Per questo ne sono speciali protagonisti tre protagonisti esemplari della modernità del genere: Michael Connelly (il campione del thriller americano, l’inventore di personaggi indimenticabili come il detective Harry Bosch e l’ex agente dell’FBI Terry McCaleb) viene a Courmayeur per ritirare il Raymond Chandler Award, autentico Premio Nobel per la letteratura mystery; Michael Winterbottom, uno dei maggiori esponenti della British Renaissance cinematografica, racconta l’universo noir di Jim Thompson a partire dal suo recente The Killer Inside Me; il doloroso ricordo della strage alla stazione di Bologna, nel trentennale di un’esplosione che anche oggi turba le coscienze e lascia troppi interrogativi irrisolti, viene affidato all’uomo dei misteri italiani, Carlo Lucarelli che insieme a Patrick Fogli, giornalisti, studiosi anima una giornata di memoria civile.

“Quando il festival fu fondato nel 1991 – dice Giorgio Gosetti – ci eravamo appena lasciati alle spalle il crollo del Muro di Berlino, la fine dichiarata della Guerra Fredda e della stagione stragista più cruenta. Il Giallo, categoria liberata dal complesso di inferiorità culturale fin dagli anni ’80 e dalla gloriosa stagione del MystFest fondato giusto dieci anni prima a Cattolica da Felice Laudadio e Oreste del Buono, vedeva però il suo colore dominante cambiare inesorabilmente verso il Noir alla cui lezione ci saremmo rivolti trasformando profondamente il senso del nostro festival, ma restando fedeli a una lezione interdisciplinare e originale che proprio OdB volle mantenere viva, con il contributo dei grandi protagonisti delle nostre prime edizioni nel segno del Nero.

Non sapevamo ancora che stava cadendo la seconda repubblica, che sarebbero cadute le Torri Gemelle, che il Noir sarebbe diventato lo specchio interpretativo della seconda metà del secolo, che l’Italia si sarebbe riconosciuta pienamente in questa moderna tradizione fino a produrre un’intera generazioni di scrittori di qualità internazionale. Vent’anni dopo siano dunque profondamente diversi, ma legati a un identico punto di partenza: fare dello spettacolo e dell’intrattenimento un’occasione di ricerca culturale e civile che ci trasforma e ci rende diversamente consapevoli”.

Per festeggiare il ventesimo compleanno, il Courmayeur Noir in Festival propone dunque un’antologia di omaggi, incontri ed eventi speciali a scandire ogni giornata del programma, oltre all’atteso concorso internazionale di 10 film in anteprima assoluta tra cui la giuria deciderà il Leone Nero e agli appuntamenti quotidiani con gli scrittori della Pagina Buia (una spettacolare carrellata dei migliori talenti di sempre).

Si comincia con Mario Berardi, il grande illustratore italiano che, con la complicità del fedele Marco Soldi ha dato l’inconfondibile tratto femminile della sua eroina Julia all’immagine del XX Noir e sarà a Courmayeur per un incontro pubblico. Si continua con gli omaggi del ventennale che sono dedicati al primo film premiato (Il cuore nero di Paris Trout di Stephen Gyllenhaal con Dennis Hopper che vogliamo ricordare  come autentica icona del genere), a Michael Connelly con Dark Blood di Clint Eastwood (dal suo romanzo) e il film scelto dallo scrittore per celebrare Raymond Chandler, The Long Good Bye di Robert Altman. E ancora ad uno dei più grandi autori del noir, Jim Thompson con Série Noire di Alain Corneau (altro amico del Noir che vogliamo ricordare così) e The Killer Inside Me.

Tra i 10 film che si contendono il Leone Nero per il miglior film del ventennale, una citazione speciale per il drammatico Never Let me Go di Mark Romanek con Carey Mulligan e Keira Knightley dal romanzo di Kazuo Ishiguro, l’esordio italo-inglese di Cosimo Alemà At The End of the Day, l’inglese The disappearance of Alice Creed di J. Blakeson con Gemma Arterton, il francese Simon Werner a disparu di Francis Gobert con Ana Girardot, gli scandinavi A Somewhat Gentle Man di Hans Petter Moland (con l’impareggiabile Stellan Skarsgård) e Sound of Noise degli svedesi Simonson e Nilsson (esilarante rapina a suon di musica), l’argentino Carancho di Pablo Trapero (candidato all’Oscar) e il coreano The Housemaid del maestro Im Sang-soo.

Tra le anteprime fuori concorso c’è grande attesa per il terzo capitolo della saga Le cronache di Narnia, diretto da Michael Apted e per la presentazione integrale di Carlos, ormai leggendario affresco della generazione del terrorismo firmato da Olivier Assayas che a Courmayeur si può vedere nella versione prescelta da autore e produttore. A questa pagina della nostra storia recente con drammatiche ramificazioni nella realtà italiana si collegherà anche l’incontro, con racconti e filmati inediti, coordinato da Carlo Lucarelli.

Per la letteratura: Giorgio Faletti  presenta il suo nuovo libro Appunti di un venditore di donne e inaugura Privacy-Ritratti segreti. Mostra Fotografica sugli scrittori noir italiani: le foto di Francesco Galli ritraggono 27 autori, ognuno protagonista di un trittico dove dal ritratto dell'autore si arriva a un dettaglio che illumina la sua scrittura, passando per il suo ambiente di lavoro con protagonisti come Camilleri, Carlotto, Carofiglio, Colaprico, Fois, Lucarelli…

La mostra, un autentico work in progress dedicato al noir italiano è destinata ad arricchirsi di altri ritratti prima di cominciare il suo viaggio in Italia il prossimo anno e rende omaggio, indirettamente, anche ai campioni del Premio Giorgio Scerbanenco che come ogni anno laurea il migliore scrittore italiano di genere.

Gli incontri della Pagina Buia permetteranno di conoscere da vicino autori come l'inglese Iain Pears, che presenta L'uomo caduto dal tetto del mondo, il danese Christian Moerk con il romanzo gotico Darling Jim, il tedesco Wulf Dorn, con il thriller psicologico La psichiatra.

Il tema della vendetta attraversa due romanzi e sarà raccontato da una voce maschile e da una femminile, quella dell'inglese R. J. Ellory e quella della regina delle classifiche, la norvegese Anne Holt. Un'altra grande signora del genere, Maj Sjöwall, sarà a Courmayeur per presentare il suo romanzo La camera chiusa, ma anche per riflettere sugli ultimi vent'anni di letteratura noir e del grande successo degli autori scandinavi. Il programma è completato da nuovi autori italiani e si collega agli appuntamenti dello Spazio Italia dedicato invece alle nuove produzioni cinematografiche e televisive in corso di realizzazione.

Cinque saranno i documentari in programma per l’apposito concorso DocNoir e ben otto le anteprime televisive inserite in un’apposita fascia di presentazioni che festeggia anche il quinto compleanno del nostro media-partner Fox Crime che assegna anche il Premio del Pubblico per il cinema.

Si intitola Sol Levante Noir la mostra di disegni realizzati appositamente dagli allievi dello IED di Milano e dai loro giovani colleghi giapponesi che idealmente introduce l’edizione 2010 di Mini Noir, vero festival nel festival dedicato ai bambini e ai ragazzi e forte quest’anno di uno speciale omaggio a Neil Gaiman (l’autore di Nessundove e Coraline), di un altro festeggiamento di compleanno (quello di Geronimo Stilton), di anteprime cinematografiche e incontri con scrittori.

Il Festival infine rende omaggio a due personalità diversamente legate alla nostra storia come Felice Laudadio (fondatore del MystFest nel 1980) e Lorenzo Mattotti (il grande disegnatore già autore dell’immagine del Noir nel 1998) che sarà a La Salle per il consueto appuntamento con il mondo del fumetto.

VAI AL SITO DEL FESTIVAL

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA