questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I Principi Grimaldi contro il festival di Cannes

Attualità, Personaggi

05/05/2014

Sembrava che non volessero alzare troppa polvere sul film che il 14 maggio aprira' la 67esima edizione del Festival di Cannes e che ritrae la madre dei principi Grace di Monaco, ovvero l'ex star di Hollywood Grace Kelly, nonostante avessero comunicato la loro disapprovazione su questo film, che tra l'altro ancora nessuno ha visto, ma la pubblicazione del trailer del film è bastata a farli uscire dallo sdegnato silenzio. 

"Non puo' esser considerato in alcun modo un film biografico", si legge in un comunicato diffuso dal Palazzo sulla Rocca. "Il 'trailer' sembra essere una farsa e conferma la natura di assoluta 'fiction' del film, una pagina della storia del Principato, basato su riferimento storici sbagliati e letterari dubbi". 

Il film, diretto da Olivier Dahan e interpretato da Nicole Kidman, si concentra sui sei mesi del 1962 in cui Alfred Hitchcock tento' di far tornare a Hollywood Grace Kelly: offri' all'attrice, che nel 1956 aveva sposato il principe Ranieri III e da allora era Grace di Monaco, il ruolo di protagonista in 'Marnie'; ma la principessa rifiuto'.

I tre figli di Grace - il principe Alberto e le principesse Carolina e Stephanie - erano gia' insorti nel gennaio 2013 quando, letta la sceneggiatura, avevano bocciato il film sostenendo che raccontava una pagina della storia del Principato "inutilmente 'glamourizzata'". Secondo i figli della principessa, "il regista e i produttori si sono rifiutati di prendere in considerazione le numerose osservazioni formulati dal Palazzo". Di conseguenza, la famiglia monegasca non vuole "in alcun modo essere associata a questo film che non riflette alcuna realta' e si rammarica che la sua storia sia stata manipolata per scopi puramente commerciali". Quindi se i principi, che nel passato sono stati spesso presenti alla cerimonia d'apertura di Cannes, quest'anno non ci saranno, il Festival e soprattutto la pellicola incriminata, potranno contare, grazie a questa nobile e impagabile polemica, su una visibilità ed una curiosità in più.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA