questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I mille volti della commedia italiana al cinema per Natale

Attualità

22/12/2013

Come ogni anno il periodo natalizio porta al cinema una serie di commedie italiane che si sfidano a suon di battute al botteghino. Dallo scorso anno non si parla più tanto di cinepanettoni, ma di commedie all’italiana, che fanno sorridere, intrattengono, ma non scadono nella volgarità o nella facile ironia. Lo scorso 19 dicembre, sono arrivati in sala ben due film che appartengono al genere. Il primo è Colpi di Fortuna, una sorta di sequel di Colpi di Fulmine, con il quale il regista Neri Parenti cerca di ironizzare sulla superstizione e la sfortuna, temi cari al popolo italiano, soprattutto al Sud. Christian De Sica è un imprenditore tessile di successo che è terrorizzato dalla sfortuna e sta per chiudere l’affare più importante della sua vita. Francesco Mandelli è un traduttore dal mongolo all’italiano e ha la reputazione di porta sfiga da sempre. La storia prende vita dallo stravagante incontro di queste due facce della stessa medaglia e con il coinvolgimento di ulteriori personaggi, interpretati dai comici Lillo & Greg e Luca e Paolo. Gli equivoci e le avventure non tardano ad arrivare.

Il secondo film è Indovina chi viene a Natale? di Fausto Brizzi, che, ricordando dal titolo il famoso film con Sidney Poitier Indovina chi viene a Cena del 1967, racconta l’atteso cenone della vigilia di Natale nell’epoca moderna con famiglie allargate, fidanzati inattesi e tanto altro. E’ la prima volta che Brizzi è alle prese con un film di Natale, ma scherzando sulla concorrenza ha detto “Non vogliamo essere percepiti come rivali della scuderia De Laurentiis. Tuttavia la ricetta delle commedie italiane di Natale è sempre la stessa. Un cast corale, composto soprattutto di comici professionisti, attrici di bella presenza e un plot semplice, ma ricco di battute e gag esilaranti o che almeno vorrebbero essere tali.

Mentre Neri Parenti è un veterano dello storico ‘cinepanettone’, Brizzi e Luca Miniero sono due registi di quella commedia d’autore, che nel sorriso generatale non trascura spunti di riflessione e momenti di commozione. Dopo i due successi di Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord, Miniero porta al cinema il suo nuovo film il 1 Gennaio 2014, intitolato Un Boss in Salotto. Senza abbandonare la contrapposizione tra Nord e Sud, il regista racconta la storia di Carmela, interpretata da Paola Cortellesi, che è una ragazza del Sud trasferitasi al Nord. Un giorno il fratello Ciro (Rocco Papaleo) irrompe nella sua vita dopo 15 anni di assenza e l’unico particolare è che è un camorrista imputato in un processo e deve trascorrere gli arresti domiciliari a casa della sorella. Ma forse la convivenza non sarà poi così male…Un ulteriore ingrediente che sembra ormai non poter mancare in questo genere di commedie è la presenza nel cast di comici professionisti che vengono dai teatri, dalla tv e dal cabaret. In Un Boss in Salotto per esempio ci sono Ale e Franz, mentre in Colpi di Fortuna Lillo & Greg e Luca e Paolo. Basti pensare al recentissimo successo al botteghino di Sole a Catinelle, l’ultimo film di Checco Zalone, nato sul palco di Zelig e ora vero e proprio Re del box office italiano, un fenomeno unico che è ancora nelle sale. Oppure a Stai Lontana da Me che porta nuovamente sul grande schermo l’attore comico romano Enrico Brignano, insieme ad Ambra Angiolini per una storia che è il remake del film francese Per Sfortuna che ci sei, in cui un uomo adulto riconosce di portare sfortuna alle proprie fidanzate che, passando il tempo con lui, fanno sempre una brutta fine, tra strani incidenti e imprevisti a dir poco scomodi. 

Infine Paolo Ruffini, conduttore del programma tv Colorado che ha diretto e interpretato Fuga di Cervelli, una commedia in cui ha riunito alcuni fenomeni nati sul web come Guglielmo Scilla e Frank Matano, per raccontare il fenomeno sempre più diffuso dei giovani italiani che vanno a studiare e lavorare all’estero. Oltre ai film usciti in questa settimana o in arrivo tra i primi giorni del nuovo anno, se in queste feste natalizie restate in città e volete andare al cinema, trovate ancora nelle sale altri due film italiani che sono considerati commedia, ma regalano anche forti emozioni e uno sguardo più intenso a temi importanti e offrono interessanti spunti di riflessioni. Parliamo di La Mafia Uccide solo D’Estate diretto e interpretato da Pif, che riesce a raccontare gli anni più significativi della mafia a Palermo dal punto di vista di un bambino, del quale ogni momento rilevante della vita si rivela legato perfettamente ad alcuni dei fatti più rilevanti della storia della mafia in Italia. Infine L’Ultima Ruota del Carro di Giovanni Veronesi, presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma, che racconta l’originale vita di un uomo che ne ha passate di tutti i colori, ma ha affrontato ogni ostacolo e imprevisto con una straordinaria umiltà e un’anima semplice, senza perdere la fiducia nel futuro e nella propria famiglia.

Questo Natale il cinema offre numerose commedie italiane che fanno ridere, divertire e allontanano dai pensieri e dalle  preoccupazioni di tutti i giorni, soprattutto in questo periodo che il paese non vive in un clima di certezza e serenità. Ma, rispetto al vecchio cinepanettone, la commedia italiana fortunatamente ha cambiato registro stilistico e la pura e semplice volgarità ha lasciato maggiore spazio a sceneggiature brillanti, in cui il sorriso si accompagna all’emozione, al romanticismo o al puro intrattenimento costruito e non approssimativo. Certo, il risultato comunque non è sempre convincente al 100%, ma il livello è sempre più alto della media. 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA