questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I Draghi vincono anche in Usa

Attualità, Box Office

29/03/2010

Risultati non entusiasmanti anche in America. E' Dragon Trainer (How To Train Your Dragon) il nuovo cartone in 3D della DreamWorks, il trionfatore del week end con 43.3 milioni di dollari. La Dreamworks si riprende lo slot della settimana antecedente alla Pasqua (anche l'anno scorso la conquistò con Mostri contro alieni, che però incassò 59 milioni). Un risultato certamente positivo, ma forse al di sotto delle aspettative visto l'aumento del numero delle sale in 3D ed il relativo aumento (del 25%) del costo del biglietto, ed inoltre l'ottima accoglienza del film da parte della critica. Alla quarta settimana di programmazione il cartone Disney Alice in Wonderland scende dal primo gradino del podio e si accontenta di una seconda posizione con 17.3 milioni di dollari, ed un totale di 293 milioni in Usa e di 656 milioni di dollari, in tutto il mondo.

Esordisce in terza posizione con 13.6 milioni la commedia Hot Tub Time Machine - forse l'ultimo titolo distribuito dall'attuale amministrazione della Mgm, che in questi giorni sta passando di mano. Ottimo risultato alla luce delle difficoltà economiche della Mgm, che non ha potuto promuovere adeguatamente il film.

Quarta, con 12,4 milioni, la commedia che sembrava lanciatissima The Bounty Hunter con Jennifer Aniston e Gerard Butler, seguita da Diary of a Wimpy Kid, che scende a 10 milioni (-55%), 35 in due settimane, ma la cui vita è ormai segnata da Dragon Trainer.

Nessuna nota di rilievo, negli altri titoli della top ten, che confermano le linee di incassi della settimana precedente. She's out of my League è sesto, mentre Green Zone precipita in settima posizione (30 milioni in tre settimane, forse il peggiore risultato per un film con Matt Damon). Bene Shutter Island, ottavo, e che in sei settimane totalizza più di 120 milioni di dollari. Chiudono la top ten il fantaflop Repo Men che in due settimane totalizza la miseria di 11,3 milioni di dollari, ed è praticamente già morto, ed in decima posizione Our Family Wedding, altro flop con 16,7 milioni in tre settimane. Da notare che Avatar, dopo 15 settimane esce dall top ten, con tutti gli onori delle armi e dei dollari: 740 milioni di dollari in Usa e quasi 2.7 miliardi di dollari in tutto il mondo.

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA