questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Happy Birthday Mr. Lynch

Attualità, Eventi, News, Personaggi

20/01/2016

Oggi David Lynch, uno degli artisti più eclettici del panorama contemporaneo compie 70 anni, essendo nato a Missoula, nel Montana il 20 gennaio del 1946. Festeggerà il compleanno sul set del revival di Twin Peaks, in piena attività e in perfetta salute fisica e mentale, per la gioia dei suoi numerosissimi fan. Lui attribuisce il merito della sua serenità alla meditazione trascendentale, di cui è da sempre praticante nonché convinto portavoce e propagandista. Nella sua carriera ha diretto solo dieci lungometraggi, ma si é dedicato a molto altro, tra cui l'arte, la musica e la grafica.

DAVID LYNCH
Figlio di un ingegnere agronomo sempre in viaggio per lavoro, il piccolo David ha modo di fare esperienza dei posti più sperduti dell'America ma anche delle grandi città come Washington e Boston, dove inizia gli studi di Belle arti, che termina a Philadelphia. Tra il 1960 e il 1970, realizza due cortometraggi sperimentali con tecnica mista di animazione e live action: The Alphabet, che gli vale l'ammissione al Centre for Advanced Arts dell'American Film Institute e The Grandmother.
Il suo primo lungometraggio realizzato con l'amico ed attore feticcio Jack Nance é il surreale Eraserhead che esce nel 1978 nel circuito dei Midnight Movies di Ben Barenholz. Realizzato in bianco e nero è un incubo sulla paternità al tempo stesso disgustoso, divertente e ipnotico come un sogno dalle cui sensazioni non riusciamo a liberarci. Mel Brooks lo vede, ne rimane folgorato e gli affida la regia di una sua produzione, Elephant Man, il film che lo promuove ad autore "commerciale" e che ottiene ben 8 candidature agli Oscar. Quest'opera ancora in bianco e nero conferma la fascinazione per la deformità, lo sguardo anomalo e l'estrema sensibilità da grande un cineasta.
Mulholand Drive

Per Dino De Laurentiis realizzerà il travagliato Dune e il personalissimo Velluto blu, di cui riesce ad ottenere il finale cut. Quest’ultimo é un successo e porta a Lynch la seconda candidatura all'Oscar. Nel 1990 gira Cuore selvaggio, dal romanzo di Barry Gifford, contestata Palma d'oro a Cannes, e dà vita a Twin Peaks, che diventa subito un fenomeno di culto mondiale, vero e proprio apripista di tutta la serialità moderna di genere fantastico. Lynch lo scrive, lo dirige e vi appare come attore nei panni dell'agente duro d'orecchio Gordon Cole. Dopo 29 episodi la serie finisce irrisolta e in calo progressivo di audience, ma due anni dopo grazie a capitali francesi Lynch gli dà un prequel cinematografico, Fuoco cammina con me. Dopo il noir Strade perdute, nel 1999 realizza Una storia vera, singolare e fordiano road movie a bordo di un trattore, interpretato dal veterano Richard Farnsworth. Successivamente é la volta del geniale e allucinatorio Mulholland Drive ambientato a Hollywood, città del cinema, dove tutto può accadere e tutto accade. Due donne, una bruna misteriosa preda di amnesia e una bionda piena di entusiasmo, venuta dalla provincia a tentare la strada del cinema. Il film vince il premio della regia a Cannes (ex- aequo con Joel Coen) e gli regala la terza candidatura all’Oscar.
Nel 2006 il suo ultimo film Inland Empire, summa delle sue ossessioni, viene presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nell'anno in cui riceve il Leone d'Oro alla carriera. Da allora, cortometraggi, documentari, il film concerto dei Duran Duran, quadri, video, musica e ovviamente tanta meditazione.

Scritto da Vittorio Zenardi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA