questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Gli X-Men affondano Godzilla

Attualità, Box Office

23/05/2014

Lo scontro ravvicinato tra blockbuster fa danni, molto grossi a entrambi i concorrenti, anche perché sia X-Men Giorni di un futuro passato che Godzilla si rivolgono alla stessa tipologia di pubblico. Ieri, al primo round  dello scontro, lo squadrone degli X-Men di Bryan Singer ha avuto nettamente la meglio, grazie sicuramente all'apporto dei moltissimi fan della saga, che ovviamente sono stati i primi ad andare a vederlo. L'incasso del giorno d'esordio è stato di 393mila euro (media di circa 650 euro per sala), mentre il lucertolone di Gareth Edwards è sceso a 114mila euro. 

Una vittoria scontata, ma che non fa felici nessuno. X-Men Giorni di un futuro passato debutta nettamente al di sotto del primo giorno di Godzilla (che però aveva esordito durante la Festa del Cinema) ed inoltre non allontana lo spettro di un risultato in linea con i precedenti capitoli, che in Italia non brillarono in modo p'articolare (1,3 milioni di euro nel primo week end per X-Men L'Inizio e 1,7 milioni per il primo week end di X-Men Conflitto finale), mentre Godzilla mostra di avere piedi d'argilla precipitando così in basso, e non consola granché il risultato di 3,7 milioni in 8 giorni. Di certo lo scontro è ancora aperto, e staremo a vedere cosa succede durante il week end. Nemmeno sfiorata da questa battaglia tra titani, l'algida  Grace di Monaco tiene la terza posizione  con 50mila euro superando in otto giorni il milione di euro, come Ghost Movie 2 (33mila euro) che la tallona, mentre Poliziotto in prova esordisce con 25mila euro (media di 250 euro per sala). I due film di Cannes debuttano in coppia al sesto e settimo posto rispettivamente con 24mila euro per Maps to the Stars di Cronenberg, e 14mila euro per Le Meraviglie di Alice Rohrwacher. Debolucci entrambi, con Maps to the stars che uscito in 247 sale ottiene una media inferiore ai 100 euro per sala e Le meraviglie che uscito in 65 sale ha una media di 226 euro per copia. L'uomo ragno è ottavo con 10mila, mentre   Grand Budapest Hotel e Alabama Monroe chiudono la top ten con gli spiccioli (8mila e 6mila euro).

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA