questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Gli “strani” poster di The House That Jack Built

Foto, News, Personaggi

27/09/2018

Come ogni film del regista anche questo è andato incontro a varie discussioni pro e contro, e probabilmente si polemizzerà anche sui nuovi poster realizzati per The House That Jack Built dalla Zentropa.  A Lars Von Trier piace lasciare il segno e sicuramente le locandine hanno già raggiunto l’effetto mostrando i protagonisti – tra cui Uma Thurman – e lo stesso filmmaker, legati e in posizioni contorte.

Scritto e diretto da Lars Von Trier, The House That Jack Built è un thriller e la storia di un serial killer interpretato da Matt Dillon

The House That Jack Built è ambientato in America negli anni settata. Seguiamo l’estremamente intelligente Jack nel corso di cinque incidenti e veniamo introdotti agli omicidi che definiscono lo sviluppo di Jack come assassino seriale. Viviamo la storia dal punto di vista di Jack.
Considera ogni omicidio come un’opera d’arte, anche se la sua disfunzionalità gli provoca dei problemi nel mondo esterno. Nonostante l’intervento finale e inevitabile della polizia si faccia sempre più vicino (questo provoca e allo stesso tempo, mette sotto pressione Jack), è – contrariamente a qualsiasi logica – deciso a correre dei rischi sempre più grandi.
Lungo la strada viviamo le descrizioni della condizione personale, dei problemi, e dei pensieri di Jack, tramite delle conversazioni ricorrenti con il misterioso Verge – un miscuglio grottesco di sofismi mescolati con un’autocommiserazione quasi infantile e spiegazioni profonde, per Jack, delle manovre difficili e pericolose.
Le vittime sono state interpretate da Uma Thurman, Sionhan Fallon Hogan, Sofie Gråbøl e Riley Keough, affiancate da  Ed Speelers e Bruno Ganz.

La pellicola è stata prodotta da Louise Vesth e Madeleine Ekman.

Il film è stato presentato fuori concorso a Cannes 2018, e come accade spesso alle pellicole di Von Trier è stato accolto da varie proteste. Questa volta  a causa della rappresentazione della violenza, anche su bambini e animali, presente nel progetto.

Scritto da Stefy
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA