questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Gli equilibristi, il film di De Matteo al Festival di Venezia

Attualità, Personaggi

29/08/2012

Ho voluto girare questo film perché è storia di tanti, di troppi. Uomini che desiderano condurre con dignità la loro semplice vita. Ma non sanno di camminare su un filo. E che basta un colpo di vento per farli cadere”.

E’ il regista Ivano de Matteo a parlare così de Gli equilibristi, il film che oggi presenta durante il Festival di Venezia nella sezione Orizzonti e che il 14 Settembre sarà nelle sale italiane per Medusa. Non pensa al concorso in se il nostro regista, che con grande tranquillità afferma “Io penso di aver già vinto una battaglia arrivando ad essere scelto da questa importantissima manifestazione”.

La storia, scritta dallo stesso De Matteo insieme alla moglie Valentina Ferlan, racconta la storia di Giulio, interpretato da Valerio Mastandrea, che conduce una vita tranquilla, casa in affitto, posto fisso, moglie e figli. Quando però la consorte scopre che Giulio la tradisce, decide di chiedere la separazione. Per l’uomo le cose diventano difficili, quando si ritrova a dover mantenere se stesso in un nuovo appartamento e al contempo la sua famiglia: improvvisamente i 1.100 euro mensili di stipendio non bastano più. Per Giulio inizia un calvario per garantire ai suoi figli ciò di cui hanno bisogno e per farlo è costretto a stare sempre in bilico…

Gli equilibristi è la storia di un uomo con un equilibrio instabile, dal punto di vista economico dopo il divorzio, per proseguire con un suo vero e proprio scollamento con la società. Giulio continuerà a raccontare a tutti, famigliari ed amici, che sta bene e se la cava, ma ovviamente non è così… è la vergogna che lo fa agire in questo modo.

“Quello che volevo raccontare era il fragile equilibrio che sta alla base di ogni esistenza, utilizzando il tradimento di lui e il conseguente divorzio come cause che fanno scatenare la perdita di questa ‘normalità’ – spiega De Matteo - Documentandomi molto prima di fare il film, come è mia abitudine, ho inserito una battuta che ho sentito veramente, ovvero: ‘il divorzio è per i ricchi, quelli come noi non se lo possono permettere’. Ed è la verità, esattamente la realtà in cui viviamo. Ed ecco qui, ho usato questo incipit della storia per narrare il corto circuito, il baratro in cui cade Giulio, il protagonista della storia”.

Il regista ha speso belle parole per il suo protagonista, Valerio Mastandrea, un attore da lui definito ironico e drammatico allo stesso tempo, che riflette in pieno lo spirito del film, pieno di paradossi, capace di ridere delle situazioni più assurde e drammatiche che gli si pongono davanti.

Nel cast troviamo anche Barbora Bobulova, Maurizio Casagrande, Rolando Ravello, Rosabel Laurenti Sellers e Grazia Schiavo.

 

Scritto da Manuela Blonna
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA