questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Gli Equilibristi, dopo Venezia Ivano de Matteo presenta il film a Roma

Attualità, Personaggi

11/09/2012

(Roma) Uscirà in 80 copie per Medusa questo Venerdì, Gli Equilibristi, pellicola diretta da Ivano de Matteo e presentata nella sezione Orizzonti del Festival di Venezia.

Un successo quello di questa pellicola, accolta dalla stampa con grandi applausi, gli stessi che hanno salutato questa mattina il regista alla presentazione romana.

“Quella di Venezia è stata una grande soddisfazione – ha spiegato de Matteo – si sa che manifestazioni del genere sono un po’ un’arena e la reazione del pubblico è stata inaspettata. La gente continua a chiamarmi a chiedermi informazioni sui dettagli che ho inserito. Spero di aver scatenato un effetto domino, raccontando che la gente come il protagonista Giulio, è tra noi più che mai”.

Gli equilibristi racconta la storia di Giulio, interpretato da un bravissimo Valerio Mastandrea, impiegato al comune di Roma, marito e padre di un’adolescente e di un bimbo di nove anni. A causa del suo adulterio con una collega, la moglie Elena non lo vuole più in casa e l’uomo per mantenere la famiglia e se stesso, inizia prima a lavorare anche di notte e va a vivere in una pensione ad ore. Con uno stipendio di 1200 euro, un mutuo da pagare e tante altre spese, più il pudore che gli impedisce di raccontare a moglie e figli la sua condizione, l’uomo inizia una lenta discesa che lo porterà anche a vivere in macchina e a sostentarsi alle mense dei poveri.

“ Quella della separazione è una metafora – spiega de Matteo – avrei potuto scegliere anche il tema della perdita del proprio compagno, o del lavoro. Volevo spiegare qual è la condizione in Italia di una persona che con uno stipendio di 1200 euro deve sopravvivere”.

Come si è documentato? "Ho fatto lunghi lavori di ricerca parlando con chi questa situazione la vive. Il cosiddetto ceto medio, non esiste, al giorno d’oggi ben 200.000 persone in Italia ‘sopravvivono’ in questa condizione. Devo ringraziare la comunità di Sant’Egidio per la disponibilità".

L’idea come è nata? "Lessi un articolo sull’argomento anni fa sull’Espresso, ma all’epoca stavo lavorando alla Bella Gente e quindi lo accantonai. Quando ho deciso di riprenderlo in mano ho lasciato che a scrivere la sceneggiatura fosse la mia compagna Valentina Ferlan, così da fornire un punto di vista anche femminile”.

De Matteo elogia anche il suo protagonista Valerio Mastandrea, al quale Venerdì 13 presso il Cinema Eden verrà consegnato il Premio Pasinetti. “ Valerio lo conoscevo già perché lo avevo diretto in Ultimo Stadio. Alla produzione de Gli Equilibristi dissi che questo film potevo farlo solo con lui. Valerio è un pierrot, capace di raccontare una storia amara come questa passando dall’ironia alla tragedia con grande facilità. Ha lavorato tantissimo sull’espressività, al punto che non è servito il trucco per sottolineare il cambiamento del personaggio, sono bastati i suoi sguardi, il suo modo di muoversi”.

Nel cast del film oltre a Barbara Bobulova e Maurizio Casagrande anche i giovani Rosabell Laurenti Sellers e Lupo de Matteo. “Rosabell l’ho conosciuta ai provini è una vera attrice e spero – conclude il regista – che possa avere il giusto spazio. E’ giovanissima ma lavora da quando era bambina. Lupo è mio figlio, lavorare con lui è stato bello, anche perché lavorare con un minore è sempre complicato. E’ stato bravissimo”.

Gli equilibristi in sala da Venerdì 14 per Medusa.

 

Scritto da Manuela Blonna
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA