questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Giulio Andreotti: in memoriam

06/05/2013

Alla veneranda età di 94 anni il senatore a vita Giulio Andreotti si è spento nella sua abitazione romana. Ad annunciare la notizia sono stati i suoi familiari. Per sette volte a capo del governo, processato per mafia e non assolto, ma semplicemente non condannato, poiché la sua collaborazione con la criminalità organizzata fu accertata quando il reato era ormai caduto in prescrizione, fu lui stesso a voler affrontare il processo. Chiese al Senato di concedere l'autorizzazione a procedere e andò a tutte le udienze. Si difese e, alla fine, fu ritenuto colpevole per i fatti precedenti il 1980, ormai prescritti, e assolto, invece, per quelli successivi. Freddo, determinato, distaccato, il suo proverbiale cinismo ha lasciato delle celebri battute tra cui «Il potere logora chi non ce l'ha», per assurdo è stato rovinato da un bacio, quello dato al boss di Cosa Nostra Totò Riina, secondo la denuncia di Tommaso Buscetta.

L'ultimo rappresentante della lunghissima stagione democristiana, il suo personaggio è riletto in modo geniale da Paolo Sorrentino nel   film Il Divo (il titolo del film riprende il soprannome preferito dall'uomo politico, l'altro era Belzebù) interpretato da Toni Servillo. Un film che passa alla storia insieme al potentissimo uomo politico. 

La confessione de Il Divo

http://www.youtube.com/watch?v=7FX-lgSQlGw

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA