questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Giornate degli Autori - VENICE DAYS

Attualità

15/09/2008
Giornate degli Autori Venice Days: la selezione ufficiale

11 film da 11 paesi (Italia, Francia, Belgio, Gran Bretagna, Finlandia, Romania, Slovenia, Polonia, Repubblica Ceca, Argentina, Sri Lanka), di cui 9 in anteprima mondiale, più 2 insoliti cine-ritratti (Il passato è il mio bastone di Flavia Mastella e Antonio Rezza, Che saccio di Camille d'Arcimoles). Undici distinte declinazioni del cinema d’autore. 5 registi esordienti: gli italiani Stefano Tummolini (Un altro pianeta) e Uberto Pasolini (Machan), l'inglese Sallie Aprahamian (Broken Lines), il finlandese Jukka-Pekka Valkeapää (The Visitor), il romeno Adrian Sitaru (Hooked). 4 le registe donne: Celina Murgia (Una Semana Solos), Sylvie Verheyde (Stella), Patrice Toye (Nowhere Man), Sallie Aprahamian (Broken Lines). 4 i film provenienti dall’Europa centro-orientale, non a caso visti anche i temi ricorrenti nei film di quest’anno. Se nel 2007 le parole chiave erano guerra, conflitto, nomadismo, nel 2008 prevalgono i sentimenti, il dissidio interiore, la paura del tradimento. Un tradimento che può venire da fuori ma anche, ed è molto peggio, da dentro. O addirittura dal passato, come accade nel film polacco Scratch e nello sloveno Landscape n. 2, che affrontano, con stili e linguaggi opposti, il tema delle colpe dei padri che ricadono sui figli. Mentre il romeno Hooked, sorprendente commedia filosofica con tre soli protagonisti, e il cèco The Country Teacher, partono dal mutamento dei costumi e della mentalità nelle nuove democrazie per intraprendere un percorso di grande libertà espressiva e morale.
Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA