questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Generazioni a confronto: Meno male che ci sei

Attualità, Conferenze stampa, Personaggi

23/11/2009
Meno male che ci sei

Luis Prieto, il regista supercampione di incassi con Ho voglia di te che lanciò definitivamente Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio, ha diretto un film maturo, intelligente, vero, molto umano con Meno male che ci sei. Giusta la promozione da parte di Cattleya che insieme a Focus Features International hanno prodotto il film e che sarà distribuito in 200 copie dal 27 novembre da Universal Pictures, di fare due poster diversi della pellicola. In una sono immortalate le due protagoniste femminili, interpretate dalla bravissima Claudia Gerini e dalla debuttante Chiara Martegiani mentre nell'altro ritroviamo la ragazzina insieme al suo giovane amore, l'attore Alessandro Sperduti. Sì, perché Meno male che ci sei non è un teen movie, è la storia della complicità fra due donne, una figlia che perde i genitori con l'amante del padre, e al contempo le storie sentimentali di queste due figure femminili, rispettivamente una di diciassette anni e l'altra che ha da poco superato i trenta. Un film malinconico ma anche divertente, dove ogni spettatore potrà ritrovare pezzi delle sua esistenza. Un film raccontato da donne ma dove ovviamente gli uomini, hanno una parte fondamentale. Il primo amore, il lutto, l'abbandono, la maternità, l'amicizia, gli alti e bassi dell'adolescenza. Nel cast oltre a Claudia Gerini e Chiara Martegiani (che proviene dall'esperienza di Amici), ci sono il giovane Alessandro Sperduti (fiction, teatro e film alle spalle), Guido Caprino, Marco Giallini e la partecipazione di Stefania Sandrelli. Il film è tratto dall'omonimo libro di Maria Daniela Raineri.

Allegra (Martegiani) è un'adolescente alle prese con i problemi della sua età. Luisa (Gerini) una trentenne romantica e sognatrice che da anni ha una relazione con il padre di Allegra. Una tragica fatalità le farà incontrare e le due diventeranno improvvisamente complici, amiche, indispensabili l'una per l'altra anche quando nuove relazioni sentimentali sembreranno allontanarle. Allegra vivrà infatti la sua prima, grande storia d'amore con Gabriele (Sperduti), suo coetaneo e compagno di scuola, proprio mentre Luisa comincerà ad innamorarsi di Giovanni (Caprino), un affascinante quarantenne incontrato per caso in libreria. Ma come sempre accade, l'amore si porta dietro gelosie, paure, tormenti e incomprensioni che soprattutto Allegra non sa affrontare. In realtà, Allegra sta solo crescendo, è in quella fase transitoria e spesso dolorosa che la trasformerà da adolescente in giovane donna e quando lo capirà, sarà pronta a riconquistare il cuore di Gabriele e a riscoprire l'importanza del suo legame con Luisa.

Meno male che ci sei

Alla presentazione del film tutti presenti registi e interpreti. Claudia Gerini, neo-mamma, che ha scoperto di essere incinta della sua seconda figlia proprio alla fine delle riprese del film, afferma: "Luisa è una donna sognatrice e romantica. Una persona gioiosa che vede il bicchiere sempre mezzo pieno: nonostante abbia una relazione con un uomo sposato. È sicuramente un personaggio dai colori pastello, non dalle tinte forti o esasperate, colori tenui come il verde acqua o il lilla. E linee morbide, con una particolare attenzione ai fiori, ai tessuti morbidi come la seta con fantasie leggiadre. Sicuramente si contrappone ad Allegra: teenager dura, tosta, quasi dark e chiusa alla vita. Si tratta di due personaggi complementari; li abbiamo costruiti così, intersecando l'una nelle caratteristiche dell'altra, un po' come uno specchio". "Meno male che ci sei - afferma Prieto - è la storia dell'amicizia e della crescita di due donne. Qui le donne sono più forti degli uomini, in grado di elaborare le loro fragilità e di trasformare le difficoltà della vita in arricchimento interiore e forza. D'altro lato, gli uomini sono immaturi e inesperti e nei momenti cruciali della vita si dimostrano infantili e deboli. Ma è un film vitale e ottimista che riflette passo passo le trasformazioni e la crescita dei personaggi".

Chiara Martegiani al suo esordio sul grande schermo afferma: "Come primo film non mi poteva andare meglio, tutti mi hanno aiutato sul set, un grazie particolare a Claudia Gerini che mi ha veramente accudito, e la storia è bella e commovente. Inoltre, il mio personaggio, è pieno di sfumature, intenso e con una certa dose di follia. Allegra riesce ad essere solare piena di energie e poi subito dopo a cadere nel baratro. Quindi una bella sfida per me alla prima volta sul grande schermo". Alessandro Sperduti, 22 anni, pubblicità e varie fiction all'inizio, è stato il figlio di Raoul Bova in Sbirri e a teatro sta attualmente lavorando con Cristina Comencini nella piéce Est-Ovest, ci racconta com'è stato lavorare con Luis Prieto: "È stata una bellissima esperienza. Oltre ad essere un bravissimo regista, abbiamo stabilito con lui una grande intesa. Ci ha seguito fin dall'inizio anche nella fase preparatoria del film e mi ha aiutato particolarmente nell'analisi del personaggio, spingendo sia me che Chiara per tutto il tempo a dare corpo alla chimica fra noi due e alla nostra storia d'amore".


Scritto da Nicoletta Gemmi
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA