questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Gabriele Salvatores e l’inizio dei favolosi anni Sessanta

Attualità, Interviste, Personaggi

08/09/2010

(Venezia) - Uno dei ‘tormentoni’ de La Pecora Nera di Ascanio Celestini è il continuo riferimento ai ‘favolosi anni Sessanta’. Non è, forse, del tutto casuale, la circostanza per cui Gabriele Salvatores ha scelto l’inizio di quegli anni per il suo documentario sospeso tra fiction e realtà dedicato al 1960. “E’ in quei mesi che per la prima volta si è parlato di consumismo in Italia e le vetrine dei negozi di Milano sono piene di cose da comprare. Il capo reparto di un’officina dice ‘A Milano è scoppiato il boom, ma non l’avremmo fatto senza i Terun… C’era un’Italia più ingenua, mentre oggi siamo più disillusi rispetto a quell’illusione di prosperità” osserva il regista “Un anno straordinario e irripetibile anche per il nostro cinema: con film come La Dolce Vita, Rocco e i suoi fratelli, La Ciociara e L’Avventura". Realizzato attraverso i materiali delle Teche Rai il documentario evidenzia una notevole differenza rispetto a quanto accade oggi “Una volta c’era un rispetto dell’intervistato e dell’inquadratura che oggi è un po’scomparso.” A proposito dei contenuti del film, Salvatores aggiunge “Spero chi ha vent’anni oggi e guarda questo film possa riconoscere le illusioni e i desideri di quell’epoca come molto diversi da quelli attuali. Dice il regista che sta lavorando all’adattamento del romanzo Educazione siberiana di Nicolai Lilin “All’epoca la televisione era appena nata ed era davvero una finestra sul mondo, mentre oggi questo ruolo è affidato a YouTube e ai Social Network. Internet è l’erede di quel modo di incontrare la realtà".A proposito della sua esperienza di giurato, il regista conclude: “E’ come salire su un ottovolante: i film che vedi sono tutti diversissimi tra loro. Ti rendi conto di quanto sia grande, vario e pieno di fantasia il mondo in cui viviamo. E’un’esperienza bellissima che ti obbliga a mettere da parte il tuo ego e i tuoi “fantasmi” per entrare nei sogni degli altri.”

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA