questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Fiore e Giacchino: italiani da Oscar

Attualità, Eventi, Personaggi

08/03/2010

Mauro Fiore ritira l'OscarC'è un pò di retorica nel dire che agli Academy Awards ha vinto anche l'Italia, perché due statuette sono andate a nostri concittadini: quella alla fotografia di Avatar, andata a Mauro Fiore, e quella ottenuta da Michael Giacchino per la colonna sonora di Up. In realtà i due illustri nostri concittadini, sono principalmente cittadini americani, uno dei due, Michael Giacchino, è nato e cresciuto negli Stati Uniti e solo recentemente ha chiesto e ottenuto la doppia cittadinanza italiana. L'altro, Mauro Fiore, è emigrato con i familiari in Usa quando aveva sette anni. Adesso ne ha quarantacinque e, sebbene i genitori abbiano deciso di tornare in Calabria per la vecchiaia, lui ha deciso di restare negli Usa. Ma sono entrambi molto fieri della loro origine italiana. Salito sul palco per ritirare la statuetta, Mauro Fiore ha prima ringraziato ed elogiato il regista James Cameron e poi ha aggiunto in italiano, un saluto ai genitori ed alla sorella che lo stavano guardando in tv da Marzì (Calabria). Oltre ad un ringraziamento al paese che lo ha adottato, omaggio obbligato al sogno americano. Mauro Fiore deve la sua brillante carriera di direttore della fotografia alla sua amicizia con Janusz Kaminski, storico direttore della fotografia di Steven Spielberg, di cui è stato assistente per molti anni, per poi prendere il volo in modo autonomo. Non è certo un caso che un pignolo e maniacale come James Cameron l'abbia scelto per la fotografia del super-tecnologico "Avatar".

L'altro portabandiera dell'italianità è l’italoamericano Michael Giacchino, già nominato per la colonna sonora di Ratatouille due anni fa (ma allora non ha vinto) e vincitore quest'anno della statuetta per la migliore colonna sonora con le musiche composte per Up. Di nonni abruzzesi e siciliani, anche Giacchino ha ricordato l'Italia, dopo aver ricevuto l’ambita statuetta: «Sono italiano e sono molto orgoglioso delle mie radici», ha detto. «Non è un segreto che gli italiani oltre a fare il miglior cibo del mondo hanno anche composto alcuni dei più bei brani musicali. La bellezza emana in modo naturale dall’Italia», ha concluso il musicista. Insomma, poteva andare peggio.

 

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA