questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Fino all’ultimo respiro: Nelle tue mani

15/09/2008
Nelle tue mani di Peter Del Monte è un film intenso, disturbante, che ti mette di fronte all'imprevisto. E' una grande storia d'amore che oscilla tra la semplicità, l'universalità e la complessità di questo sentimento che tocca ogni essere umano. Un uomo 'razionale' e una donna 'istintiva'. La ragione e il caos. Dal 14 marzo nei cinema distribuito da Teodora Film.

Come tanti film d'autori, diciamo non semplici, ma che ci mettono in difficoltà durante la visione Nelle tue mani di Peter Del Monte ha pure una genesi piuttosto complicata. Completamente autoprodotto grazie a 11 Marzo Film, Blue Film e Coca Color, dopo essere passato al Torino Film Festival diretto da Nanni Moretti ha trovato, solo ora, una distribuzione. Per fortuna, quindi, grazie alla Teodora Film che lo porterà nelle sale dal 14 marzo in 30 copie. In un primo momento Nelle tue mani può sembrare una bella storia d'amore, quella tra Mavi e Teo, legati da una fortissima passione. Quella passione si trasformerà in un famiglia, con la nascita anche di una figlia, Caterina, ma poi, al primo ostacolo - un sospetto tradimento di lui - la donna crolla, perdendo se stessa un pezzo alla volta. Una vera e propria discesa agli inferi di un personaggio che definire 'una pazza', sarebbe a dir poco superficiale. Mavi non è pazza, è complicata, istintiva, sicuramente molto insicura e disturbata, ma ci sono nel suo background tutte le ragioni per capire il suo percorso. Teo è l'uomo rassicurante, razionale, un astrofisico, pronto ad avere un motivo per ogni azione, ma è attratto dal caos, da ciò che non conosce e che non riesce a capire. Protagonisti Marco Foschi (Fame chimica e Riprendimi, in uscita ad aprile e unico film italiano al Sundance di Robert Redford) e la bravissima Kasia Smutniak, appena vista in Caos calmo. Regia, soggetto e sceneggiatura di Peter Del Monte. "Per Teo - afferma Del Monte - che è un uomo razionale e rassicurante, Mavi rappresenta l'ignoto, il selvaggio. Per citare un film che ho visto recentemente e che ho amato enormemente, ovvero Into the Wild di Sean Penn, Mavi per Teo è il suo viaggio in Alaska, il suo percorso nelle terre selvagge. Per lui che non è un viaggiatore, senza spostarsi dal suo mondo, il percorso è molto simile al protagonista del film di Sean Penn. Nel film di Penn c'è una frase che mi ha colpito tantissimo ed è: "se c'è la possibilità che la ragione governi totalmente la vita allora non c'è possibilità di vita". Il caos spaventa tutti noi ma fa parte dell'esistenza. E nella storia che io racconto Mavi rappresenta il mistero del cosmo su cui lui indaga anche per il lavoro che fa, l'astrofisico".
Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA