questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

FFF 17: Possessed, un omaggio ai cult horror del cinema in stop motion

Attualità, Eventi

08/05/2015

Dopo il successo di Vicenta nel 2012, il regista spagnolo Sam torna al Future Film Festival con Possessed, un nuovo lungometraggio comedy horror realizzato con l’affascinante tecnica dello stop motion. Trini è la più famosa danzatrice di flamenco del mondo e suo marito Gregorio è un grande toreador. Insieme hanno un figlio bello e promettente di nome Damien che, in seguito alla morte misteriosa ed improvvisa di Gregorio, si trasforma improvvisamente in un bambino ribelle e inquietante, nonché pericoloso. Non sembra esserci una spiegazione razionale a quello che gli sta succedendo, ma tutti i sintomi suggeriscono che Damien sia posseduto dal demonio. Trini, rimasta sola e abbandonata la scena, come potrà aiutare il figlio a guarire e tornare il tenero bambino di prima?

Partendo da un inizio alla Indiana Jones, che segue un prete alla ricerca di una preziosa reliquia tra sotterranei e fortezze antiche, Possessed si costruisce piano piano come una commedia dark, ricca di azione, umorismo, e di citazioni cinematografiche che invitano lo spettatore più cinefilo in una sorte di gioco a quiz. Dai forti richiami al mitico L’Esorcista di Willem Friedkin, alla famosa scena della doccia di Psycho di Alfred Hitchcock, fino a Poltergeist, The Ring, Taxidriver, Carrie, Shining, il film di Sam è quasi un omaggio ai film cult del genere horror con venature thriller e paranormali. La storia procede con un ritmo dinamico ed anarchico che diverte ed intrattiene lo spettatore, coinvolgendolo in una sfrenata avventura tra possessioni, esorcismi, delitti efferati e situazioni stravaganti, strizzando l’occhio al pulp e allo splatter con un’eco tarantiniano esplicito. Memorabili la scena in cui il frullino da cucina fa le veci del pugnale di Norman Bates nella scena dell’ omicidio nella doccia, o quella del prete che impugna un crocifisso in ferro che si trasforma in una mitragliatrice nel momento del bisogno, come il personaggio che affianca il temibile Machete nell’omonimo film di Robert Rodriguez. Sam riesce a realizzare un film brillante e originale, arricchito da idee geniali per omaggiare il cinema nella sua natura più popolare. 

L’ambientazione ricca di dettagli verosimili e realizzati da professionisti, è il contenitore di una serie di personaggi irresistibili e ben caratterizzati. L’animatrice italiana Anna Ciammitti che ha collaborato al film, ospite del Future Film Festival, ha detto che ci sono voluti ben quattro anni per terminare questo film. L’attenzione e la cura di ogni scena denunciano il fatto che sono stati anni ben spesi, per ottenere un prodotto ricco di creatività e sentimento, che in questi giorni è in programma nelle sale cinematografiche spagnole e speriamo arrivi presto anche in Italia. 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA