questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Festival di Roma: è qui la Festa?

Attualità, Eventi

14/10/2013

Non c'è traccia nella conferenza stampa di presentazione dell'ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma delle ben note difficoltà di comunicazione e di budget che hanno animato i mesi scorsi gettando ombre lunghe e perigliose sulla seconda direzione di Marco Muller, il Direttore voluto dalla coppia Polverini-Alemanno all'epoca, tanto tempo fa, del centrodestra in Regione & Comune. Stamani, preceduto da una determinata Flavia Barca, Assessora alla Cultura del Comune di Roma, e da una più generica, ma altrettanto convinta di non mollare la presa sul Festival Lidia Ravera, Assessora alla Cultura della Regione, Marco Muller ha presentato nel suo stile confucian-magnificente, la nuova edizione, ricca (l'aggettivo più ricorrente nella presentazione di tutti i Festival) come sempre più di sempre di novità. Unico accenno, molto soft, ai lunghi mesi di incertezza, quando Muller  ha parlato del ritardo con cui hanno potuto iniziare a lavorare sul programma, addirittura a primavera, precisato  "abbiamo capito solo in primavera che non dovevamo fare un semplice festival, ma un festival-festa". Quindi si torna al passato, o meglio si comincia a tornare al passato, alla Festa del Cinema di veltroniana memoria. Da riferire anche la risposta molto possibilista del Presidente della Fondazione Cinema per Roma Paolo Ferrari, ad una giornalista che chiedeva notizie sulla possibilità di accorpamento dei due Festival capitolini, quello del Film e quello della Fiction. Una possibilità letta, per ora, solo su di una evidente prossimità, senza chiaramente niente di concreto, ma che lascia intravedere un discorso già aperto. 

Come già annunciato il film di apertura è  'L'ultima ruota del carro' di Giovanni Veronesi, mentre la chiusura sarà affidata ad un colossal cinese 'Sou duk/saoudu - The white storm' di Benny Chan". 

In mezzo, dall' 8 al 17novembre, 71 lungometraggi selezionati per la Selezione Ufficiale. 18  film in concorso di cui 12 prime mondiali, 5 internazionali e 1 nazionale. 20 quelli di ‘gala’ fuori concorso, 9 dei quali in anteprima mondiale. 

Cala quindi, sebbene sia molto alto, il numero delle prime mondiali che fino all'anno scorso sembrava essere l'unica cifra conosciuta da Muller, ed aumenta invece in modo esponenziale (17) il numero delle opere prime e seconde. Nessuna anticipazione sui divi che animeranno il red carpet ma solo una vaga promessa:  "ci sarà una dose quotidiana di divismo" da concordarsi con le case di distribuzione. Leggi: i divi che le case di distribuzione decideranno, a loro spese, di far venire. Certa è la presenza, grazie a Universal Pictures, di Jennifer  Lawrence che verrà a presentare 'Hunger Games La Ragazza di fuoco'. L'idea, ha concluso Muller, "è quella di voler fare di Roma una Toronto europea".

Tra i film in Concorso, oltre ai già citati Her di Spike Jonze, appena uscito in Usa con eccellenti critiche, Out of the Fornace e Another Me, oltre all’anteprima mondiale del nuovo Takashi Miike, Mogura No Uta, e gli italiani I Corpi Estranei, di Mirko Locatelli e con Filippo Timi, e Take Fice di Guido Lombardi.

Molto corposa la sezione  Fuori Concorso, con l’arrivo de Il paradiso degli Orchi, con Bérénice Bejo ed Émir Kusturica protagonisti, il nuovo film di Álex de la Iglesia,  Las Brujas de Zugarramurdi, The Green Inferno di Eli Roth, già visto a Toronto, La Luna su Torino di Davide Ferrario, Romeo e Giulietta di Carlo Carlei e il kolossal Stalingrad 3D di Fedor Bondarchuk, campione di incassi in patria, oltre ai già citati Hunger Games 2, Metegol di Juan José Campanella e Belle e Sebastien di Nicolas Vanier. 

Gli Italiani

20 complessivamente i film italiani presenti nelle varie sezioni.  

Sono in gara, in concorso,  I corpi estranei di Mirko Locatelli con Filippo Timi, Take Five di Guido Lombardi e Tir di Alberto Fasulo.  

Sono invece Fuori Concorso  Border di Alessio Cremonini, Come il vento di Marco Simon Puccioni, La santa di Cosimo Alemà, Il venditore di medicine di Antonio Morabito, La luna su Torino di Davide Ferrario, Romeo e Giulietta di Carlo Carlei, Song è Napule dei Manetti Bros. e naturalmente L’ultima ruota del carro di Giovanni Veronesi, atteso in apertura. Evento speciale fuori concorso in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia Il carattere italiano di Angelo Bozzolini. 

Molti i titoli della sezione Cine XXI, porzione di festival che si svolge al Maxxi. In concorso L’amministratore di Vincenzo Marra, Hometown di Zimmer Frei, Racconti d’amore di Elisabetta Sgarbi. Fuori concorso Ricordi per moderni di Yuri Ancarani. 

In concorso in Prospettive doc-Italia troviamo Capo e croce - le ragioni dei pastori di Paolo Carboni e Marco Antonio Pani, Dal profondo di Valentina Pedicini, Fuori strada di Elisa Amoruso, Lettere al presidente di Marco Santarelli, Ritratti abusivi di Romano Montesarchio, The Stone River di Giovanni Donfrancesco, Vacanze al mare di Ermanno Cavazzoni. 

Guarda l'elenco completo dei film del festival

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA