questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Festival di Roma 2014, i vincitori premiati dal pubblico

Attualità, Eventi

25/10/2014

Anche quest'anno il Festival di Roma è giunto al termine, chiudendo la kermesse con Andiamo a Quel Paese, la nuova commedia di Ficarra e Picone e un tributo al compianto Phillip Seymour Hoffman. Il pubblico ha premiato i film di tutte le linee di programma della Selezione Ufficiale: Cinema D’Oggi, Gala, Mondo Genere, Prospettive Italia. I riconoscimenti più importanti sono stati assegnati in base alle preferenze espresse dagli spettatori all’uscita dalle sale. Per la prima volta in un Festival, grazie alla tecnologia di Akai e Xaos, è stato possibile votare attraverso la App (per iOS e Android) e il sito ufficiale del Festival www.romacinemafest.org. Si è potuto inoltre votare in modo assistito nei Foyer delle sale Santa Cecilia, Sinopoli e Petrassi (Auditorium Parco della Musica) e presso il punto voto situato nel Villaggio del Cinema.

Gli spettatori hanno assegnato il:

Premio del Pubblico BNL | GalaTrash di Stephen Daldry

Premio del Pubblico | Cinema d’OggiShier gongmin / 12 Citizens di Xu Ang

Premio del Pubblico | Mondo GenereHaider di Vishal Bhardwaj

Premio del Pubblico BNL | Cinema Italia (Fiction)Fino a qui tutto bene di Roan Johnson

Premio del Pubblico | Cinema Italia (Documentario)Looking for Kadija di Francesco G. Raganato

Premio TAODUE Camera d’Oro alla migliore opera prima

Tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni (Selezione Ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele) hanno concorso all’assegnazione di questo riconoscimento. La giuria presieduta da Jonathan Nossiter (regista) e composta da Francesca Calvelli (montatrice), Cristiana Capotondi (attrice), Valerio Mastandrea (regista, attore, produttore) e Sydney Sibilia (regista) ha assegnato il Premio TAODUE Camera d’Oro alla migliore opera prima a:

Andrea Di Stefano regista di Escobar: Paradise Lost (Gala)

Laura Hastings-Smith produttore di X+Y di Morgan Matthews (Alice nella città)

- Menzione speciale: Last Summer di Lorenzo Guerra Seràgnoli (Prospettive Italia) 

Premio DOC/IT al Migliore Documentario italiano

La giuria presieduta da Federico Schiavi (produttore) e composta da Valeria Adilardi (produttrice), Mario Balsamo (regista), Ilaria De Laurentiis (montatrice) e Paolo Petrucci (regista e montatore) ha assegnato il premio DOC/IT al Migliore Documentario italiano a:

Largo Baracche di Gaetano Di Vaio (Prospettive Italia)

Menzione speciale: Roma Termini di Bartolomeo Pampaloni (Prospettive Italia)

 

 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA