questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Festival di Roma 2011, vince Un cuento chino

Attualità

04/11/2011

E' Un cuento Chino dell'argentino Sebastian Borensztein il vincitore della sesta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, che si è aggiudicato sia il premio della giuria che quello del pubblico per il miglior film. Accolto dalla stampa internazionale e nazionale con grande entusiasmo, il film racconta le vicende di Roberto (Ricardo Darìn, già protagonista del film Premio Oscar Il segreto dei suoi occhi), introverso proprietario di un negozio di ferramenta, vive da vent'anni quasi senza contatti col mondo dopo un dramma che l'ha profondamente segnato. Quando conosce Jun un cinese appena arrivato in Argentina senza conoscere una parola di spagnolo, lo accoglie in casa: attraverso la singolare convivenza, troverà la strada per risolvere la sua grande solitudine, non senza aver svelato all'impassibile, eppure tenerissimo Jun, che le strade del destino hanno tali e tanti incroci in grado di svelare anche la surreale sequenza d'apertura, la mucca pezzata che piomba dal cielo. Ci hanno visto lungo alla Archibald film invece che nei giorni scorsi hanno annunciato la distribuzione della pellicola con il titolo Cosa piove dal cielo?

Soddisfatto, così si è definito il Presidente del Festival Gian Luigi Rondi, che ha definito la sua squadra la 'migliore possibile', seguito dalla direttrice artistica Piera Detassis, il cui mandato scade quest'anno, ma che ritroveremo probabilmente nella prossima edizione. La giuria presieduta da Ennio Morricone (composta da Susanne Bier, Roberto Bolle, Carmen Chaplin, David Puttnam, Pierre Thoretton e Debra Winger), ha poi assegnato il premio come Miglior Attrice a Noomi Rapace per Babycall e quello per il Miglior Attore a Guillame Canet per Un vie Meilleure. Gran Premio della giuria al francese Voyez comme ils danset di Claude Miller con la nostra Maya Sansa, mentre il premio speciale è stato assegnato a The eye of the storm di Fred Schepisi.

A seguire anche il Premio BNL del pubblico al Miglior film portato a casa da Girl Model di David Redmon e Ashley Sabin. Il Premio Marc’Aurelio al miglior documentario per la sezione L’Altro Cinema | Extra, con un ex aequo ha visto trionfare Circumstance di Maryam Keshavarz e La Brindille di Emmanuelle Millet. Infine due vincitori per Alice nella città: sotto i 13 anni è emerso En el nombre de la hija di Tania Hermida P, mentre il premio sopra i 13 anni è andato al film Noordzee Texas di Bavo Defurne.

In questa edizione inoltre è stato assegnato un premio Speciale alla colonna sonora che è andato a Ralf Wengenmayr per Hotel Lux di Leander Haussmann. Nessun riconoscimento purtroppo per L'Italia nonostante il materiale fortemente competitivo. Presente alla cerimonia l'ospite d'onore Richard Gere, che ha ricevuto inignito con l'onirificenza alla carriera dal sindaco della Capitale, Gianni Alemanno.

A chiudere questa sesta edizione, un classico del cinema mondiale: è Colazione da Tiffany di Blake Edwards il protagonista della proiezione che segue la cerimonia di premiazione. La pellicola sarà inoltre in sala il 9 Novembre per un solo giorno, data in cui si celebra il 50° anniversario dalla data di uscita.

Scritto da Manuela Blonna
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA