questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Festival di Cannes: il giorno di Paolo Sorrentino

Attualità

19/05/2015

E’ domani, mercoledì, il giorno di La Giovinezza di Paolo Sorrentino. Ultimo dei tre italiani in concorso, arriva dopo il successo di Nanni Moretti, che molti critici accreditano tra i candidati al Palmarès.                     Ospiti a Che tempo che fa Sorrentino e Michael Caine hanno parlato a lungo del senso del film, una riflessione sul sentimento del tempo ed «un esorcismo contro la morte», come lo ha definito lo stesso regista.

Il sentimento del tempo che passa, la malinconia della vecchiaia e il suo sguardo ‘corto’ sul futuro, vista con gli occhi di due vecchi amici alla soglia degli ottant'anni, che trascorrono insieme una vacanza primaverile in un lussuoso resort alpino. 

Fred è un compositore e direttore d'orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo ma non rinunciano a fare progetti. Sorrentino ha rivelato che il film è nato dalla sua ossessione per la morte, che lo ha accompagnato per molti anni e che lo ha aiutato a superarla: «ora sono guarito, so che per quanto breve il futuro c'è sempre e può regalarci grandi occasioni di libertà». Sorrentino ha anche parlato del suo prossimo progetto che lo vedrà esordire in una serie tv: The Young Pope, una serie in otto episodi sull'inizio del pontificato di Pio XIII, con Jude Law protagonista. Una serie dalle tematiche altrettanto complesse, che affronterà, come dice il lay-out: «I segni evidenti dell'esistenza di Dio. I segni evidenti dell'assenza di Dio. Come si cerca la fede e come si perde la fede. La grandezza della santità, così grande da ritenerla insopportabile. Quando si combattono le tentazioni e quando non si può fare altro che cedervi». 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA