questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Femmine contro Maschi: ‘Non ci sono problemi, solo soluzioni!’

Attualità, Interviste

28/01/2011

E’ con questa frase di John Lennon che si chiude il dittico firmato da Fausto Brizzi. Dopo Maschi contro Femmine, il 4 febbraio arriva Femmine contro Maschi nel quale fra le new entry ci sono Ficarra & Picone che impersonano due grandi amici uniti dalla mania per i Beatles. Ficarra è Lennon e Picone é McCartney. Altre nuove entrate del film Francesca Inaudi nei panni della moglie di Salvatore Ficarra e Wilma De Angelis, che interpreta la madre di Bisio, entusiasta dell’esperienza e di avere fatto un film alla bella età di ottant’anni.

Per il resto come detto per il primo film chi aveva ruoli marginali è diventato protagonista in questo. Quindi troviamo il gruppo di amiche composto da Luciana Littizzetto, Carla Signoris, Nancy Brilli e Lucia Ocone. E quello dei maschi con Claudio Bisio, Emilio Solfrizzi, Fabio De Luigi, Alessandro Preziosi e Giuseppe Cederna. L’unico a non ricomparire è Francesco Pannofino, definitivamente lasciato nel primo film dalla Signoris. E come se ne deduce dal titolo, questa volta sono i difetti e i pregi delle donne ad essere maggiormente protagonisti.

“Quello che cerco sempre di fare – afferma Brizzi – sono commedie dove i sentimenti dei personaggi hanno il sopravvento rispetto ai problemi della società e della politica. Non per togliermi il problema che la realtà supera la fantasia ma perché questo è il cinema che so fare e che voglio fare. Lascio ai miei colleghi, più bravi di me, di affrontare gli altri aspetti. Quindi questi due film sono assolutamente autonomi: potete vedere anche prima il secondo poi il primo. Non cambia nulla. Ho cercato di capire un po’ di più l’universo maschile, quello femminile e i rapporti amorosi e di amicizia. In questo secondo film le donne sono prese più di mira quindi appaiono più manipolatrici e gli uomini più eterni Peter Pan. Ma, dato che la sceneggiatura di entrambe le pellicole, è stata scritta da me insieme a Marco Martani, Massimiliano Bruno e Pulsatilla, mi auguro che ne sia uscita una descrizione piuttosto articolata e non manichea di questi due universi”.

“Anche se i due film li ho girati insieme – continua Brizzi – addirittura il secondo l’ho finito prima del primo ora che li ho visti divisi ho capito che avranno due vite e due anime molto diverse. Maschi lo trovo più action, divertente e questo più sentimentale, romantico e musicale. Alla fine mi chiedono sempre chi esce vincitore tra maschi e femmine? Non era questo il mio obiettivo. Nonostante sia un po’ cinico non sono affatto pessimista. L’amore trionfa sempre e lascio molti finali aperti delle varie storie. Penso che se nessuno/a cercherà di cambiare l’altro/a, tutti vivranno felici. Al contrario, finiranno per rimanere soli/e”. A questo proposito fondamentale è la storia interpretata dalla Littizzetto e da Solfrizzi, marito e moglie, dove lui a seguito di un incidente perde la memoria. E, in un primo momento la moglie, ne approfitta, per riformattarlo come lo avrebbe voluto lei per poi rendersi conto che la cosa non può funzionare.

“Gli uomini difettosi ci piacciono – afferma Luciana Littizzetto – li vogliamo diversi da noi. La differenza sostanziale secondo me sta nel fatto che gli uomini sono più sani, vivono più serenamente e si accettano come sono. Noi donne, invece, vogliamo tenere tutto sotto controllo, carriera, relazioni... e alla fine ogni tanto andiamo un po’ fuori di testa. Non mi piace mai quando qualcuno dice: ‘quella è una donna con le palle’. No, noi siamo già complete anche senza questo tipo di attributi, non mi sembra una grande idea seguire un modello maschile per sentirsi donne più affermate”. “Sono d’accordo – dice Solfrizzi – per me tutto quello che serve è rispetto e capacità d’ascolto dell’altro. Quindi più che uomini non cresciuti vedo uomini spaventati, a volte, da certe donne. Ma sono convinto che entrambi i sessi abbiano tutte le capacità per instaurare relazioni che possono funzionare”.

“Certo – conclude la Littizzetto – anche perché se uno parte dal presupposto che vuole cambiare l’altro vuole già dire che forse non è proprio la persona giusta... Darei la priorità ad altri aspetti in una storia. Ecco perché il ruolo che mi ha offerto Fausto in questo film l’ho trovato personalmente molto interessante proprio perché è l’esempio di cosa non bisogna fare... almeno fino ad un certo punto della vicenda”.

Inevitabile con personaggi come Claudio Bisio, Luciana Littizzetto e Ficarra & Picone parlare della difficoltà di fare i comici nell’Italia di oggi.


“E’ molto difficile – afferma la Littizzetto – ma parlo per la televisione. Noi siamo dei saltimbanchi, il nostro compito è quello di fare ridere. Quindi se la Santanchè mi cita e vuole una risposta da me, l’avrà. Però capite che se un politico, gente che dovrebbe governare e rendere migliori le nostre esistenze, si rifà su un comico siamo messi piuttosto male. Il comico cerca sempre di ribaltare la realtà per fare ridere ma se la realtà che si trova davanti è già ribaltata deve fare un doppio salto mortale. E si cammina sempre sul bordo di un baratro. Ci vuole un attimo a scadere nel volgare o nel becero, bisogna fare attenzione. Inoltre tu pensi una cosa, dici una battuta, la registri due giorni prima che vada in onda la trasmissione e, magari, quando la gente la vede i fatti l’hanno già resa vecchia, obsoleta, perché sono andati oltre. Questo però, ripeto, vale per la televisione. Nel cinema abbiamo una sceneggiatura, siamo un determinato personaggio e lo interpretiamo. Insomma è tutta un’altra storia”.

Femmine contro Maschi arriva nei cinema venerdì 4 febbraio, questa volta distribuito da Medusa con 600 copie. Notevole e molto variegata la colonna sonora del film che contiene un pezzo scritto da Vasco Rossi e Gaetano Curreri, Vuoto a perdere, interpretato da Noemi. Più tanti immortali pezzi dei Beatles visto la beatlesmania dei personaggi di Ficarra & Picone, suonati da The Apple Pies, una delle cover band dei Fab Four italiane più conosciute.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA