questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

EYES, la regista Maria Laura Moraci presenta il corto a Napoli

Attualità

20/07/2018

EYES è il cortometraggio scritto e diretto da Maria Laura Moraci, dedicatoalla memoria di Niccolò Ciatti, il 22enne picchiato a morte da tre coetanei nell’indifferenza generale il 14 agosto 2017 in una discoteca vicino Barcellona. Tutti guadarono immobili la scena (alcuni riprendendo con il cellulare), e nessuno intervenne, né chiamò gli addetti alla sicurezza ola polizia. Maria Laura Moracisarà presente a Napoli, come relatrice, alla conferenza-evento “Diritto alla Giustizia-Dovere dell’Informazione a tutela delle Donne contro le violenze” che si svolgerà venerdì 20 Luglio 2018 alle ore 11a Napoli, presso la sede del Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania-SUGC in via Cappella Vecchia, n.8 B-sala “Santo Della Volpe”. 

Per l’occasione sarà proiettato il cortometraggio EYESche di recente ha vinto il premio come Migliore Colonna Sonora all’Ischia Film Festival,Miglior Corto italiano al MIFF – Milano International Film Festival,Miglior Regista Donna nella sezione "Best Woman Filmmaker" al Los Angeles Independent Film Festival Awards; il premio Miglior Regista nella sezione “Best Director”a lGold Movie Awards Goddess Nike a Londra; Miglior Corto di Finzione nella sezione “Best Narrative Short Film” al Barcelona Planet Film Festival; Miglior Film di Giustizia Sociale nella sezione“Best Social Justice Film”all’Oniros Film Awards ad Aosta; una menzione special al PIFF - Pordenone International Film Feste il premio eccezionale “Outstanding Achievement” al Berlin Flash Film Festival

La conferenza-evento dal titolo “DIRITTO ALLA GIUSTIZIA-DOVERE DELL’INFORMAZIONE a tutela delle Donne contro le violenze” nasce per raccontare,  in modo multiculturale e trasversale,  il mondo delle Donne ed il loro potere creativo e di rinascitasempre facendo trionfare bellezza, amore ed intelligenza del cuore contro la violenza, il qualunquismo, il maschilismo, l'emarginazione, l'abuso di potere, l'ignoranza e l'arroganza partendo dalle azioni socio-istituzionali messe in campo per la tutela delle Donne contro il femminicidio, le violenze ed i maltrattamenti domesticie non, in un confronto di progetti e competenze focalizzando i temi, soprattutto sulle azioni e sulle responsabilità della giustizia e del mondo dei media e della stampa italiani. 

 SINOSSI

Personaggi di diversa età, etnia ed estrazione sociale,ingabbiati in una società frenetica incline alla violenzae al consumismo. In scena 30 attori, di cui 28 ad occhi chiusi per indicare l’indifferenza e la superficialità che ci trascinano sempre più a guardare senza vedere veramente. 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA