questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

E’ morto Tony Curtis

Attualità

30/09/2010

Los Angeles - All’età di 85 anni è morto Tony Curtis. Ne ha dato notizia la figlia, Jamie Lee Curtis, citata dal sito web Et. Curtis, il cui vero nome era Bernard Schwartz, è passato alla storia, tra l’altro, per il suo ruolo nella commedie di Billy Wilder "A qualcuno piace caldo", in cui recitava al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe. Scompare così dopo una lunga malattia l’eroe della commedia americana. Era nato a New York il 3 giugno del 1925.

La carriera Nato nel Bronx in una modesta famiglia ebrea di origini ungheresi, il debutto di Tony Curtis nel cinema è nella parte di un fatuo ballerino in Doppio gioco di Robert Siodmak. Prima di pietre miliari della commedia come A qualcuno piace caldo in cui compariva al fianco di Jack Lemmon e Marilyn Monroe o Operazione sottoveste con Cary Grant, negli anni cinquanta alternò ruoli leggeri, in cui mise a frutto il fisico prestante e la morbida bellezza virile, con ruoli in parti drammatiche. È protagonista di film come Il principe ladro di Rudolph Matè, Il figlio di Ali Babà di Kurt Neumann e Il mago Houdini di George Marshall come di Furia e passione di Joseph Pevney (in cui è un pugile sordomuto), Trapezio di Carol Reed, Piombo rovente di Alexander Mackendrick (in cui è Sidney Falco, un portaborse nel mondo corrotto del giornalismo americano) e La parete di fango (in cui è un carcerato fuggiasco incatenato a Sidney Poitier). In Spartacus di Stanley Kubrick è nuovamente accanto a Kirk Douglas, che già aveva affiancato ne I Vichinghi di Richard Fleischer. Negli anni sessanta, il suo ruolo più significativo è quello del serial killer schizofrenico ne Lo strangolatore di Boston, sempre di Fleischer. Nei primi anni settanta diventa un’icona del piccolo schermo insieme a Roger Moore per il telefilm di successo Attenti a quei due, in cui impersona il ricco playboy americano Danny Wilde, contrapposto all’elegante e raffinato lord inglese Brett Sinclair. Le sue ultime apparizioni di rilievo: Gli ultimi fuochi di Elia Kazan e La signora in bianco di Nicolas Roeg.

Sposato per sei volte (dal primo matrimonio con Janet Leigh nacque Jamie Lee), Tony Curtis aveva l’anno scorso ammesso, in un libro di memorie, la sua relazione con Marilyn Monroe, risalente ai tempi di A qualcuno piace caldo, e il fatto (a lui a lungo ignoto) che l’attrice era rimasta incinta di lui perdendo però il bambino nel corso della gravidanza.

Addio indimenticabile Tony! R.I.P.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA