questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Duncan Jones spiega come il padre David Bowie ha influenzato il suo film Mute

News, Personaggi, Trailer

20/02/2018

Il regista Duncan Jones, figlio di David Bowie, ha rivelato come il suo nuovo film Mute sia stato pesantemente influenzato dalla loro relazione. Ambientato a Berlino nel 2052, Mute racconta la storia di un barista incapace di parlare e della sua ricerca della fidanzata scomparsa. Arriverà in anteprima su Netflix il 23 febbraio.

Penso che ci siano un sacco di sottotesti in Mute che danno la consapevolezza di come il tempo si consuma“, ha detto Jones al Times. “Una gran parte della storia ruota attorno alla natura della genitorialità. Cosa rende un buon genitore? Ha aggiunto che aveva scritto una bozza di sceneggiatura 15 anni fa e l’ha mostrato a Bowie, ma poi ha deciso di riscriverlo “perché c’erano troppe cose personali lì dentro“.

Riferendosi al famoso commento di suo padre sugli artisti “bisogna spingersi dove l’acqua è più profonda, oltre a dove puoi toccare il fondo con le dita dei piedi“, Jones ha detto: “È quello che ho fatto con Mute. Ho realizzato un film che era un po ‘scomodo e inaspettato, e più oscuro di quanto le persone potessero aspettarsi. Ero nervoso a farlo. Ma nervoso in senso positivo. ”
La connessione familiare è presente anche sullo schermo: Jones ha detto che le scene conterrebbero dipinti creati da Bowie durante il suo periodo a Berlino negli anni ’70.

Duncan Jones spiega come il padre David Bowie ha influenzato il suo film Mute

Alexander Skarsgard ha osservato: “Non è una coincidenza che sia ambientato a Berlino.  Duncan  è molto eccitato di tornare qui. ”
Bowie si era trasferito a Berlino nel 1976 e nel giro di un paio d’anni registrò tre album che divennero noti con il nome di Berlin Trilogy.

Jones ha vinto un BAFTA con il suo film del 2009 Moon, in cui il protagonista (interpretato da Sam Rockwell) lotta per affrontare la vita da solo gestendo una base lunare e scopre un complotto che lo vuole  intrappolato lì.

Il regista ha descritto Mute come “sequel spirituale” del film precedente.

Scritto da Stefy
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA