questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Dolby Atmos: la terza dimensione del suono

Attualità, Trade

19/03/2014

E' stata presentata alla Casa del Cinema di Roma la nuova tecnologia Dolby Atmos, più che una evoluzione una vera e propria rivoluzione della codifica e della riproduzione del suono nel cinema, paragonabile alla rivoluzione del 3D sull'impianto visivo.

Sono ancora poche centinaia nel mondo le sale dotate di questi nuovi impianti, incluso il celebre Dolby Theater di Hollywood, dove si celebra la cerimonia degli Oscar, mentre in Italia ad oggi solo la Casa del Cinema di Roma assieme alle sale IMG Cinemas di Piazzale Candiani (Mestre Venezia) sono equipaggiate con questo nuovo sistema sonoro, di cui nei prossimi anni è facilmente prevedibile una diffusione molto vasta. 

Tecnicamente la differenza si sviluppa in un sistema non più a canali, ma ad oggetti, nel senso che la precedente strutturazione dell'impianto acustico in stereofonia evoluta (per intenderci), con casse che distribuiscono ai vari livelli (alti, basst etc.) gli impulsi sonori,  adesso viene completamente rivoluzionato con gli impulsi sonori localizzati singolarmente  ed esattamente nel luogo della sala dove si percepisce l'azione. Di fronte, dietro, accanto, sopra, lontano etc. non sono più solamente dei parametri visivi, accompagnati da un segnale sonoro che solo a grandi linee poteva seguirli, ma adesso con Dolby Atmos succede esattamente il contrario: il segnale sonoro è più preciso di quello visivo, contribuendo ad una stupefacente immersione nella scena, più vera del reale.  

Questa nuova tecnologia è resa possibile da una nuova concezione sia delle tracce sonore della pellicola che dall'impianto di riproduzione della sala cinematografica che può sviluppare un centinaio (fino a 128) di canali audio distribuiti su altrettanti altoparlanti situati su tutte le pareti e sul soffitto della sala, e che percettivamente si attivano singolarmente sulla testa di ogni spettatore, con l'effetto di un movimento dinamico che segue ogni singola scena. E' la nuova frontiera del 3D del sonoro, che già vede l'adesione di tutte le major americane, oltre all'impegno di molti registi che hanno già iniziato a girare ed editare i propri film in questa nuova dimensione (300 L'alba di un impero. Vita di Pi, Lo Hobbit La desolazione di Smaug…).

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA