questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Dietro le quinte di Hercules - La Leggenda Ha Inizio

Attualità

28/01/2014

Il prossimo 30 gennaio arriva al cinema Hercules - La Leggenda ha Inizio, il film diretto e prodotto da Renny Harlin e distribuito dalla M2Pictures. Kellan Lutz interpreta il grande eroe epico dell’antica mitologia greca, per una reinterpretazione della storia ultraterrena di Hercules nei panni di un giovane uomo che lotta contro il suo destino. Dopo il successo della serie tv Spartacus e il successo sul grande schermo del dio Thor, il fascino per la mitologia torna a conquistare Hollywood, con la storia del semidio nato dall’unione di una donna mortale e il Dio Zeus e il regista Harlin non nasconde di aver dovuto portare avanti un intenso lavoro di ricerca per documentarsi ed approfondire la sua conoscenza dell’antica Grecia e render il film verosimile e non approssimativo. “Ci sono tracce della storia di Hercules nei fumetti e nella letteratura, o persino negli eroi dei film di oggi” dice HarlinE’ stato sempre lui, nel corso della storia, ad essere il supereroe assoluto!”.

Per interpretare al meglio il ruolo di Hercules, Kellan Lutz ha dovuto allenarsi molto e sviluppare la sua prestanza fisica, grazie al lavoro con un team di stuntmen bulgari e controfigure che per tre settimane lo hanno aiutato ricreando dei combattimenti con la spada, a cavallo, o con le lance e catene, e combattimenti corpo a corpo. Il coordinatore degli stuntmen, Rowley Llram ha confessato di aver avuto vita facile grazie alla professionalità del team coinvolto e degli attori, ma il film comprende scene di battaglia almeno per l’80% quindi c’erano molti dettagli da definire e sui quali esercitarsi molto. Nella maggior parte delle scene d’azione colpisce l’uso della telecamera a rallentatore per catturare ogni movimento dei personaggi e rendere tutto più drammatico e coinvolgente.

La maggior parte degli attori si sono dichiarati entusiasta per l’uso del 3D nel film, sottolineando tuttavia la bravura del regista Harlin che è riuscito a trovare un equilibrio tra i personaggi e le azioni avvincenti. “Stavamo realizzando un film che era insieme duro, forte e pieno di azione, ma anche romantico e poetico” ha detto Harlin, aggiungendo che “ci sono scene di battaglie con migliaia di persone e di cavalli e poi ci sono, sommerse, meravigliose scene intimiste”. “Il 3D entra in gioco nella costruzione dei set, dei costumi, delle armi e perfino nel trucco e nelle acconciature. Per farlo bene è davvero necessario prenderlo in considerazione e lavorarci di conseguenza. Il risultato è un film assolutamente straordinario che ti fa sentire davvero come se fossi all’interno di quel mondo” ha detto Harlin. Il film è stato girato in Bulgaria per ben 54 giorni, catturando degli scenari adatti all’ambientazione per gli esterni, mentre per gli interni la lavorazione è stata portata avanti negli studi Boyana a Sofia, utilizzando un sofisticato Green Screen, soprattutto per le scene d’azione. Con questa tecnica il regista è riuscito a ricostruire parte dell’antica Grecia arricchendo il tutto con degli effetti speciali accattivanti e la scenografia è stata curata da Luca Tranchino che si è avvalso di disegni e modellini per permettere le riprese in CGI e la costruzione del set.

Con ogni ambientazione tento di restituire agli spettatori l’atmosfera della scena che si sta svolgendo, che sia romantica, drammatica o violenta” ha dichiarato Tranchino, confessando di aver iniziato anche lui il lavoro, come Harlin, partendo da un’attenta ricerca storica e archeologica con libri, dipinti e altro. Tutti i reparti hanno lavorato insieme, dalla sceneggiatura alla scenografia e il reparto costumi, coinvolgendo pittori, scultori e altri artisti precisi e attenti ai dettagli. Sono state costruite circa 250 spade, set giganteschi, carri, armature e i costumi ricercano un’autenticità, con ogni capo studiato per far risaltare la statura del personaggio, accentuandone la femminilità o mascolinità. Il regista Harlin non vedeva l’ora di portare al cinema questo mondo antico visto dal suo punto di vista e dal 30 gennaio non resta che andare al cinema per vedere se è riuscito nel suo intento.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA