questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Dietro le quinte di Devil’s Knot, il terribile fatto di cronaca che ha ispirato il film

Attualità

06/05/2014

L’8 Maggio arriva al cinema Devil’s Knot - Fino a Prova Contraria, il nuovo film di Atom Egoyan, con Colin Firth, Reese Whiterspoon e Dane DeHaan. Il regista nominato agli Oscar per Il Dolce Domani, porta sul grande schermo la drammatica storia di tre bambini del Tennessee, che vengono rapiti ed uccisi senza pietà, e i genitori vivono un vero e proprio calvario, fino a quando non vengono individuati alcuni possibili colpevoli. Reese Whiterspoon interpreta Pam Hobbs, una delle mamme disperate, che non si arrende fino all’ultimo, e Colin Firth è l’investigatore privato Ron Lax, deciso a trovare il vero assassino e scoprire la verità.

Ispirato ad una storia vera, Devil’s Knot riporta alla luce un fatto di cronaca agghiacciante che risale al 5 Maggio del 1993, quando nell’Arkansas scomparvero tre bambini di otto anni, ritrovati poi in un torrente vicino senza vita, con i polsi legati alle caviglie e brutalmente percossi. La giornalista Mara Leveritt scrisse un libro sull’accaduto, intitolato Devil’s Knot: La Vera Storia dei Tre di West Memphis, nel quale cerca di ricostruire la vicenda e di mettere insieme tutti gli indizi. Prima di Egoyan, già Peter Jackson era rimasto colpito da questa storia incredibile e piena di enigmi irrisolti, tanto da produrre il film West of Memphis nel 2012, diretto da Amy Berg e presentato al Sundance Film Festival. 

Questo mio film è un’analisi di una storia che è entrata a far parte della mitologia americana. Ciò che è accaduto ai Tre di West Memphis nel 1993 è stato ampiamente documentato. Ho sentito che questo fosse il momento di reinterpretare i fatti in chiave drammatica e mostrarli in una maniera tale che gli spettatori potessero partecipare al viaggio straordinario che il film rappresenta” ha dichiarato il regista. Quando si cerca di mettere in scena un fatto realmente accaduto, si può solo ricostruire la scena del delitto attraverso le prove e le testimonianze, ma non si potrà mai sapere cosa è successo esattamente in quel bosco più di 10 anni fa. Prima di cominciare le riprese, Egoyan ha fatto doveri sopralluoghi a West Memphis, insieme allo scenografo Phillip Barker e hanno raccontato che è stata un’esperienza abbastanza inquietante, necessaria però a sentire la storia, per poterla raccontare nel modo giusto. Inoltre, quando una storia è irrisolta, il colpevole potrebbe essere ancora in giro e questo è ancora più preoccupante e ripercorrere quegli stessi luoghi non è facile. 

Reese Whiterspoon si è misurata con un ruolo molto impegnativo, rispetto alla sua carriera precedente, e ha dovuto affrontare un personaggio reale, con il quale ha avuto modo di rapportarsi personalmente. “Ho incontrato Pam un paio di volte, e mi è stato molto utile per capire come interpretare la storia. Da attrice posso dirvi che, interpretare una persona presente nella realtà, è un’esperienza totalmente diversa, quindi sono stata molto attenta a rispettare le sue idee e a rappresentare la stessa dignità che avrei voluto fosse garantita a me se fossi stata in lei” ha raccontato l’attrice. Colin Firth invece non conosceva per niente la storia prima di aver letto il copione del film, ed è rimasto subito coinvolto. “Il mio personaggio è un investigatore privato che si interessa al caso perché si rende conto che l’accusa avrebbe fatto appello alla pena di morte, e lui è fortemente pacifista. Non ama i riflettori”. Anche lui ha avuto modo di incontrare il vero Ron Lax e ha studiato il tono della sua voce, i movimenti, ma un altro punto di forza per la sua interpretazione è stato lavorare insieme alla Witherspoon che Firth definisce “un’attrice alla mano e solare, che non ha grilli per la testa e non ti annoia con il suo lavoro e le sue nevrosi”.

 

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA