questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

David Cronenberg ritorna nell’universo di Don DeLillo!

Attualità

30/01/2013

Dopo avere realizzato, in veste di regista, il notevolissimo Cosmopolis con protagonista Robert Pattinson, ora David Cronenberg si immerge nuovamente nel mondo dello scrittore americano, Don DeLillo, ma come attore. Farà, infatti, parte del cast del film Body Art insieme a Isabelle Huppert e Denis Lavant, e alla regia, udite, udite, il nostro Luca Guadagnino che adatterà il romanzo di uno dei più grandi scrittori viventi.

A parte l’ottimo casting e l’universo molto particolare, ecco qui un progetto, un film, calibrato per essere presentato al Festival di Cannes del 2014. Body Art, sarà il titolo della pellicola, ed è piuttosto simile a quello del libro che in realtà è The Body Artist come detto di Don DeLillo, un autore che Cronenberg conosce bene e che ben si addice anche alla sua visione della realtà.

Cronenberg si cimenterà come attore interagendo con una grandissima attrice come Isabelle Huppert e, con Denis Lavant, il protagonista di Holy Motors di Leos Carax che, purtroppo dopo il passaggio al Festival di Cannes dell’anno scorso noi, in Italia, non abbiamo ancora avuto il piacere di vedere.

Ma in questo progetto, decisamente molto intrigante, l’Italia ha una parte importantissima visto che sarà Luca Guadagnino (Io sono l’Amore, nella foto) a curarne la regia. Body Art sarà girato quest’estate e narra di una vedova adepta ad una disciplina che la fa vivere reclusa nella sua casa fino a quando, un giorno, incontrerà uno squatter sconosciuto che entrerà a forza nella sua casa e nella sua vita.

Questa la sinossi di Body Art di Don DeLillo presa dal sito ibs.it.
La costa oceanica semideserta. Una vecchia casa. Rey, un maturo regista, e Lauren, una giovane body artist, sono sposati da pochi mesi quando lui si uccide, lontano, a New York. Lei rimane nella casa isolata e la lenta elaborazione del lutto passa attraverso stadi e stati di allucinazione sempre più tangibili, sempre più reali fino a tradursi in espressione artistica, in una trasformazione del corpo che ha il sapore della rinascita oltre che dell'opera d'arte.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA