questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Daniel Radcliffe il giovane maghetto prescelto si è rivelato un grande attore

Attualità

17/10/2013

Il piccolissimo ragazzino con la faccia buffa e i capelli francescani, dotato di un bel paio di occhiali tondi, è decisamente cresciuto. Daniel Radcliffe ventiquattro anni, si è staccato definitivamente dal personaggio che l'ha reso celebre, "Harry Potter" per diventare l'attore di talento, poliedrico e coraggioso che aveva fatto presagire di essere. La sua ultima interpretazione (nei cinema da oggi), in "Giovani Ribelli - Kill Your Darlings", è una prova attoriale di serie A. Un personaggio quello interpretato, difficile per il confronto, per le situazioni che ha vissuto e per la scoperta stessa della sua omosessualità. Si parla di Allen Ginsberg, geniale poeta della beat generation, amico di Jack Kerouac, William S. Burroughs e John Clellon Holmes, che ha raccontato e vissuto un periodo importante della storia americana attraverso i suoi scritti e poesie. Il film, ambientato negli anni cinquanta (dove Radcliffe indossa un paio di occhiali da vista rotondi per la moda dei tempi, simili ad Harry Potter),  racconta il periodo dell'università, quando Ginsberg fece l'incontro che cambiò la sua vita, quello con Lucien Carr, ed insieme diedero vita al movimento della "nuova visione" della letteratura americana. Sono anni di transizione per il poeta, anni in cui scoprirà anche la sua natura, l'accettazione di essa e la voglia di scrivere. Radcliffe interpreta Allen in maniera ineccepibile, con grinta, smarrimento e coscienza, i suoi fan si sono ritrovati il ragazzino con la piccola cicatrice a forma di flash sulla fronte oramai grande e pronto a stupire tutti. Inglese doc, figlio di un agente letterario e una direttrice casting, fa la sua comparsa nel mondo del cinema con "Il sarto di Panama " affianco a Jamie Lee Curtis e di Geoffrey Rush nel 2001, eppure Daniel sembrava destinato a passare e non lasciare alcun segno. Solamente quando entra in gioco J.K. Rowling e la sua saga "Harry Potter" lo scenario cambia. Radcliffe interpreta il maghetto più famoso della letteratura inglese per l'infanzia prestando il volto a quel ragazzino orfano cresciuto dagli zii che scoprirà di essere in realtà il figlio di due maghi uccisi da un potente stregone, e di appartenere ad un mondo dove lui è una superstar, e che lo ospiterà per i suoi studi. Il primo film della saga "Harry Potter e la Pietra Filosofale" è un vero successo, Daniel, scelto fra 16mila aspiranti, ricambia la fiducia dei produttori e del regista Chris Columbus che lo riconferma per il secondo capitolo della saga. Negli anni riesce anche ad ultimare gli studi e ricevere una nomination come Miglior Attore Esordiente agli MTV Movie Award, diventando uno di quei giovani attori della generazione 2000 da tenere sott'occhio. Insieme a lui per ogni avventura di Harry ci sono i fedeli amici Emma Watson e Rupert Grint, che interpretano Hermione e Ron, che negli anni si troveranno, soprattutto la Watson, a condividere lo stesso destino di bravura e successo di Radcliffe. La saga si conclude con l'ultimo capitolo diviso in due parti, nel  2010, così dopo aver detto addio al ruolo che l'ha reso indimenticabile, Daniel è pronto per svestire parti fanciullesche ed inserisci fra gli adulti dello show business, accettando una parte nel drammatico in "The Woman in Black" di James Watkins. Quello che lo contraddistingue è sicuramente la sua innata gentilezza, eleganza e sobrietà, da vero gentleman inglese, con uno stile di recitazione pulito e audace. E' nel 2007 che decide di scontrarsi con l'opinione pubblica, con la scelta di recitare nella piece teatrale "Equus" completamente nudo accanto ad un cavallo. Il coraggio è stato dettato dalla voglia di scardinare l'idea che il suo adolescenziale Harry lo potesse identificare fino al resto dei suoi giorni, dimostrando a tutti che il suo mestiere è recitare sapendolo fare molto bene. Con il coraggio e l'audacia, appunto, si guadagna riconoscimenti e apprezzamenti da tutta la stampa internazionale per la presentazione del suo ultimo lavoro, "Giovani Ribelli - Kill Your Darlings", all'ultimo Festival del Cinema di Venezia. Un ragazzo che ama il cinema senza essere travolto da esso, mai coinvolto in uno scandalo, ne gossip, ne pettegolezzi, un attore che ama il mestiere dell'attore, al quale auguriamo una lunga carriera.

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA