questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Da Isabelle Huppert ad Asia Argento la giuria di Cannes

13/05/2009

Isabelle Huppert, grande attrice, considerata in Francia una vera e propria star oltre che una delle migliori interpreti che hanno, è la Presidentessa della Giuria di Cannes. Insieme a lei, l'attrice italiana Asia Argento, il regista turco Nuri Bilge Ceylan, il regista americano James Gray, l'autore sudcoreano Lee Chang-Dong, il romanziere britannico Hanif Kureishi, l'attrice americana Robin Wright Penn e l'attrice di Taiwan Shu Qi. "Sono felice e orgogliosa - afferma la Huppert - il Festival è una porta aperta sulle nuove idee del mondo". Mentre Asia Argento, attrice amatissima dai francesi, afferma: "Sono emozionata e felicissima. Quando Tiérry Fremeaux, a Pasqua, mi ha proposto di entrare nella giuria guidata da Isabelle Huppert, ho fatto salti di gioia. Mi aspetta un compito prestigioso, di grande responsabilità che eseguirò con la massima serietà. E per me sarà anche un bel riscatto". In effetti Asia Argento era stato molto attaccata dalla stampa durante la sua ultima partecipazione al Festival. "Ho avuto una forte e violenta depressione dopo che mi due anni fa, al termine della manifestazione avevo partecipato con ben tre film: Go Go Tales di Abel Ferrara, Boarding Gate di Olivier Assayas e Une vielle maitresse della Breillat. E' stata una fatica, uno stress. Allora sono stata giudicata, questa volta sarò io a giudicare. E lo farò con la massima serietà. Per me Cannes ha un significato importantissimo. La prima volta che misi piede sulla Croisette, avevo 16 anni, con il film di Michele Placido Le amiche del cuore. Comprai un vestito elegante per l'occasione e durante la montée des marches, capii una volta per tutte che il cinema era la mia strada". Asia Argento aggiunge anche che sulla Croisette annuncerà il suo nuovo progetto da regista e avverte: "Un film per vincere, in tutti i sensi - non mi riferisco in particolare alla Palma d'Oro - deve avere uno sguardo assolutamente personale, questo è un fatto imprescindibile e necessario per colpire lo spettatore, giurato o semplice appassionato di cinema che sia".


 


Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA