questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Cristina Casati - Capo Ufficio Stampa UIP

Interviste

27/04/2006

L'anteprima mondiale di Roma

Cristina Casati non è nuova alla preparazione di eventi mediatici mondiali. Dopo una carriera in Lucky Red e in Buena Vista, il suo arrivo in Uip ha coinciso con una serie di attività di publicity estremamente impegnative come il tour di Steven Spielberg, Leonardo DiCaprio e Tom Hanks per Prova a prendermi, il lancio di Love Actually, la presenza di Hugh Grant al Festival di Taormina, i due Bridget Jones con l'arrivo in Italia di Renée Zellweger e quello di Ben Stiller per Madagascar. Tutto questo fino ad arrivare all'edizione del Festival di Venezia di due anni fa quando oltre alla presentazione di tre film come Terminal, Collateral, The Manchurian Candidate,  c'è stata anche l'anteprima mondiale di Shark Tale in Piazza San Marco alla presenza di Robert De Niro, Angelina Jolie, Will Smith e del presidente di DreamWorks animation Jeffrey Katzenberg.
L'anteprima mondiale romana di Mission Impossible 3 alla presenza di tutto il cast e dei vertici della  Paramount sarà dunque una passeggiata?
"Tutt'altro." Spiega Casati "Perché una cosa è lavorare in uno spazio ampio, ma concentrato come il Festival di Venezia, un'altra è coordinare il lavoro in una città estesa come Roma."
Come è stato seguito Mission Impossible 3 dalla stampa italiana fino adesso?
Dall'inizio delle riprese in maniera molto intensiva, soprattutto quando Tom Cruise si è trovato a girare a Roma e a Caserta. La stampa, però, è già preparata a questo film, anche perché si tratta del terzo capitolo di una serie molto conosciuta e di così grande successo. Uip Italia ha sviluppato una sorta di gioco che ha coinvolto un centinaio di giornalisti in tutto il paese, inviandogli una sorta di dossier da agente segreto in cui sono state nascoste una serie di informazioni relative a Mission Impossible 3. La stampa è stata subito molto interessata a questo tipo di sollecitazione, che li ha visti ricevere continuamente nuove informazioni come se fossero degli alleati di Ethan Hunt. I giornalisti si sono molto divertiti e stanno seguendo ogni settimana l'evoluzione del gioco.  In più Cruise è reduce dall'esposizione mediatica de La Guerra dei Mondi che è uscito appena dieci mesi in Italia e quindi è continuamente presente nell'immaginario collettivo del pubblico. In realtà noi lavoriamo per promuovere il film sin dall'anno scorso quando abbiamo sviluppato la publicity per il film di Spielberg. Del resto il primo trailer è stato presentato il 12 dicembre sui telegiornali nazionali che ripetevano: "L'estate inizia con Mission Impossible 3". 
E l'estate cinematografica mondiale inizia proprio in Italia…
Originariamente la scelta dell'anteprima mondiale del film è stata fatta tra Roma e Shanghai. La produzione ha preferito l'Italia.
Parliamo dell'anteprima…
Sarà il 24 aprile. Arriveranno per l'occasione un centinaio di giornalisti da tutto il mondo con un'attenzione internazionale verso l'Italia. Sarà l'unica occasione stampa a livello internazionale in cui oltre al regista e a Tom Cruise sarà presente tutto il cast con la presenza di artisti come Jonathan Rhys Meyers. I giornalisti italiani incontreranno il cast in una conferenza stampa per 150 persone che si terrà al Palazzo Colonna vicino a Piazza Santi Apostoli. Un gioiello di eleganza al centro di Roma, nel cuore della città dove sarà presente lo stato maggiore della Paramount che viene appositamente da Los Angeles per questa occasione.
Come avete scelto questo spazio che è abbastanza nuovo per un junkett cinematografico?
E' vero, ma questo perché è stata la Paramount a volere utilizzare una location romana e non un albergo. Dopo vari sopralluoghi a siti archeologici e palazzi storici rinascimentali, abbiamo scelto un luogo poco conosciuto agli stessi giornalisti romani e italiani. E' un luogo fantastico, sembra di entrare a Versailles.
Quale sarà l'impegno mediatico di Cruise?
Più ampio rispetto al passato. Tom è talmente entusiasta del film che concederà molto più tempo agli incontri con la stampa e i giornalisti delle televisioni.
Parliamo delle misure di sicurezza…
Le proiezioni saranno tutte quante controllate per motivi di pirateria. Gli attori saranno seguiti, ovviamente, da un gruppo di guardie del corpo.
Quanto costa un evento del genere?
Al momento una cifra non è quantificabile, in quanto porteremo in Italia più di 150 persone con esigenze differenti. Sicuramente diversi milioni di Euro. 
Che ricaduta vi aspettate?
Enorme. Su tutti i canali televisivi satellitari e non solo, radio e Internet che copriranno l'evento sin dall'arrivo degli attori fino alla loro partenza. La stampa seguirà l'evento in maniera completa. Basti pensare che i tre principali network americani Abc, Cbs, Nbc nonché Cnn e Fox trasmetteranno in diretta qui da Roma.
La cosa più importante è che il film c'è…

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA