questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Conferenza stampa di The Tree of Life: presenti Brad Pitt e Jessica Chastain

Attualità

16/05/2011

Non si è fatto vedere Terrence Malick. E’ proprio allergico alle occasioni pubbliche, deve essere più forte di lui. O, almeno non si è presentato alla conferenza stampa, mandando un messaggio attraverso i suoi produttori (per questo film c’è anche Brad Pitt), Sarah Green e Bill Pohlad, che spiegano che, oltre alla ben nota timidezza di questo autore che raramente appare in pubblico (aveva fatto un'eccezione per il Festival di Roma), c'è anche la sua voglia "che sia il film a parlare per lui e che ogni spettatore possa farsi la sua idea". A leggere le prime impressioni sui siti c’è un po’ di tutto. Alla prima proiezione di questa mattina ci sono stati alcuni ‘buuu’ alternati da grandi applausi. Vedremo domani che ne scrivono i critici dei quotidiani.

“Ci vorrebbero parecchi giorni – afferma Pitt in conferenza stampa – per spiegare il processo di creazione di questo film. La sceneggiatura è stata scritta davvero molto bene, molto densa, ma Terrence Malick non ha voluto seguirla alla lettera. Lui ama acchiappare la verità al volo. Ed è per questo motivo che il film emana questa impressione di freschezza. In più c’è da aggiungere che quasi tutte le riprese sono state fatte solo attraverso la luce del giorno. È stato molto faticoso, ma il risultato è sotto i vostri occhi. E’ un essere umano come tutti, va persino al gabinetto ogni tanto. Ma il suo amore per i suoi personaggi ti fa capire la differenza tra un bravo regista e un genio come lui. Questo è un film universale e Malick spera di toccare tutte le culture”.

Il produttore Bill Pohlad ribadisce, a proposito dell’assenza del regista: “Malick non ama discutere dei suoi film, si augura che il pubblico li recepisca come delle poesie e che ognuno le possa interpretare come vuole. Per lui la funzione di un autore è questa!”.

“Ho lavorato con Terrence per tre mesi prima delle riprese – afferma Jessica Chastain – mi ha suggerito di guardarmi alcuni dipinti di altissima qualità che rappresentavano soprattutto la grazia. Durante le riprese non abbiamo mai pensato al risultato finale, noi abbiamo avuto assolutamente campo libero e abbiamo vissuto il momento presente. In una scena del film, una farfalla si posa sulla mia mano, non era scritto in sceneggiatura, ma Terrence ha voluto assolutamente lasciare quell’immagine e, anzi, ha creato una situazione all’interno della quale succedessero avvenimenti casuali di quel tipo... che sono doni per lui... sono i suoi preferiti”.

“Malick è un autore che viene consultato in tutto il mondo – ha continuato il produttore Bill Pohlad – e, a sua volta, la sua sete di cultura lo porta ad interessarsi di moltissimi argomenti. Ama avere le opinioni le più diverse un po’ da tutti, anche in fase di montaggio, ed è per questo motivo che solitamente usa diversi montatori. Ama avere costantemente un occhio diverso, un’opinione nuova su ogni aspetto della realizzazione”.

“Io sono stato cresciuto con la religione cristiana – spiega Pitt – e quando ero giovane ho fatto un sacco di domande su tanti aspetti per cercare di comprendere meglio le cose che mi erano state insegnate. Le stesse identiche questioni sono poste in questo film, ed è per questo che The Tree of Life mi ha profondamente commosso e toccato”.

Assente anche Sean Penn, ufficialmente perché ancora in viaggio da Haiti, in realtà forse perché preferisce concentrarsi sul film di Paolo Sorrentino, di cui è protagonista assoluto.

GALLERY DI PITT E CHASTAIN A CANNES

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA