questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Come Dio comanda: Il mio Cappuccetto Rosso shakespeariano. <br>Intervista a Gabriele Salvatore

03/12/2008

Gabriele Salvatores torna sul grande schermo, stavolta in periodo natalizio (il 12 dicembre con 01 in 250 copie) con la seconda collaborazione con Niccolò Ammaniti dopo il fortunato Io non ho paura, di cui Come dio comanda è cinematograficamente speculare. "Mentre il primo era caldo e solare e i rapporti tra i personaggi erano freddi e distanti, qui siamo in un'atmosfera fredda e buia, ma in cui si stringono rapporti caldi. E' la storia di un padre cattivo che insegna l'odio con tanto amore", ha spiegato il regista, che con questo film ha continuato la sperimentazione registica già attuata in Quo Vadis Baby? (con un uso particolare del digitale) immergendo la macchina da presa nella realtà, "con movimenti a 360° che implicano una complicata illuminazione di scena e difficoltà per gli interpreti, che hanno recitato senza sapere da dove venivano ripresi". Tratto dal romanzo Premio Strega di Ammaniti - che ha collaborato alla sceneggiatura con Antonio Manzini - Come dio comanda esplora il rapporto di Rino Zena/Filippo Timi, uomo disoccupato, alcolizzato e violento, con suo figlio Cristiano/Alvaro Caleca, a cui insegna ad essere spietato per difendersi da un mondo che lo esclude. Intorno a loro si muovono Quattroformaggi/Elio Germano, un balordo ritardato che è il loro unico amico, e l'assistente sociale Beppe Trecca/Fabio De Luigi, che minaccia continuamente di mandare Cristiano in un istituto: le loro vicende si intrecciano in un Friuli cupo e piovoso fino a trasformarsi in una tragedia che ricorda tanti casi di cronaca nera.

Curiosa, per un film del genere, l'uscita in periodo natalizio, affollato di cinepanettoni e commedie varie: "Volevamo ribaltare le aspettative - dice Caterina D'Amico - forse non tutti gli spettatori vogliono vedere il classico film di Natale". Le fa eco il produttore Maurizio Totti: "A Natale c'è sempre stato solo un film, quello che da anni assicura alti incassi e che è stato poi replicato da altri. Noi proponiamo un'alternativa".

 

 

Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA