questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Clooney a favore dei matrimoni gay

Attualità, Personaggi

05/03/2012

Non è stato baciato dall'Oscar, anche se francamente lo strameritava (con tutta la simpatia e l'entusiasmo nei confronti di The Artist e di Dujardin, non c'è confronto con lo spessore del personaggio di Clooney in Paradiso amaro) e adesso viene ancora una volta beceramente messo sotto accusa per presunta omosessualità. Un gioco sporco comunque, perché prima di tutto essere gay non è un reato, e quindi un accusa del genere getta solo fango, come giustamente fa notare Clooney nella sua non difesa: "l'ultima cosa che mi vedrai fare è saltare su e giù, dicendo: Queste sono menzogne ! Sarebbe ingiusto e scortese verso i miei buoni amici nella comunità gay. Io non ho intenzione di permettere a nessuno di far sembrare che essere gay sia una brutta cosa."

Ma noncurante di queste insinuazioni, coraggiosamente (e intelligentemente, almeno sul piano mediatico) Clooney si presta a interpretare accanto all'amico Brad Pitt un 'public reading' di '8', uno spettacolo militante per raccogliere fondi e rovesciare il divieto al matrimonio gay in California. Il testo, scritto da Dustin Lance Black, esplora la battaglia legale della famigerata Proposizione 8, un referendum in cui si chiedeva l'abolizione del diritto di sposarsi alle coppie gay in California. Clooney, nel ruolo dell'avvocato David Boies, Brad Pitt in quello del giudice Vaughn Walker. Ad unirsi a loro nella lettura, a favore dell'organizzazione che tenta di rovesciare la proposta, sono stati molti attori tra cui Martin Sheen, Jamie Lee Curtis e Kevin Bacon, c'erano Jesse Tyler Ferguson, Jane Lynch, Matthew Morrison, Chris Colfer e George Takei.

Quindi onore a George e vergogna ai bacchettoni moralisti che vogliono infangare lui e l'intera comunità gay? Eppure resta aperto un'aspetto di questa vicenda che non è chiaro. Perché legarsi sentimentalmente, o almeno così tutto farebbe sembrare, con delle donne bellissime e portarsele dietro come accompagnatrici 'innamorate'?

Prima la Canalis e adesso la Keilbler. A questo proposito il settimanale The Enquirer scrive che George Clooney e la sua neo compagna Stacy Keibler avrebbero firmato un contratto che li lega insieme fino alla cerimonia degli Oscar e che scadrà due settimane dopo l'evento. Se così fosse, tra meno di una settimana dovremmo assistere a questa nuova separazione. La ex wrestler smentisce categoricamente, senza negare però che la sua storia con George Clooney potrebbe terminare da un giorno all'altro. Quando nelle interviste le chiedono se con George abbia progetti più duraturi, lei non si sbilancia. «Il sogno per me va vissuto giorno per giorno, momento per momento» - ha dichiarato a Vanity Fair - «Non so che cosa succederà domani, magari tra una settimana mi sveglierò e sarà tutto finito. Ma per ora è meraviglioso».

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA