questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

C’era una volta un’estate, dagli sceneggiatori di Paradiso Amaro

Attualità, Recensioni

27/11/2013

Al Torino Film Festival è stato presentato in anteprima C’era una volta un’estate, titolo originale The Way Way Back, il film scritto e diretto da Nat Faxon e Jim Rash, che lavorano insieme dal 1999. Dopo aver vinto l’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale di Paradiso Amaro, i due professionisti sono arrivati a Torino per presentare il loro nuovo progetto, un film che vuole raccontare il senso di smarrimento e le difficoltà di un adolescente con una famiglia divisa e il bisogno di trovare la propria strada. “Il film racconta sì il percorso di Duncan, ma se consideriamo la storia nella sua globalità ci rendiamo conto che questo film racchiude anche il percorso di cambiamento di tutti i protagonisti, come se la crescita del ragazzo avesse rappresentato per loro una sorta di presa di coscienza” ha dichiarato Jim Rash

Il giovane Liam James interpreta Duncan, un ragazzo di 14 anni che deve affrontare la separazione dei suoi genitori e trovare un nuovo equilibrio con la madre, coinvolta in una nuova relazione con Trent (Steve Carrell), un uomo con il quale lui non riesce a creare un rapporto sereno e costruttivo. Arriva l’estate e tutti insieme partono per le vacanze e in questo luogo di villeggiatura Duncan incontra nuovi amici come l’eccentrico Owen (Sam Rockwell), proprietario di un parco acquatico della zona, ma anche molte persone diverse da lui che lo isolano o lo ignorano completamente. Questo film dal sapore indipendente, con uno stile di regia abbastanza semplice ma un po’ vintage, è costruito su una sceneggiatura tuttavia brillante e lineare che porta lo spettatore a vivere la storia dal punto di vista del ragazzo timido e introverso, ma soprattutto incompreso dai suoi familiari e dalla società spinta sempre di più verso l’omologazione. Duncan si sente diverso, ma non vuole diventare come tutti gli altri, cerca qualcuno che lo accetti per quello che è e dal momento in cui incontra Owen e la squadra del Water Wizz, inizia una nuova vita, serena e divertente. L’apatia e l’atteggiamento depressivo che lo circondano quando ascolta le critiche di Trent, la derisione della sorellastra e l’apatia della madre, vengono spazzate via e sembrano solo un brutto sogno quando indossa la maglietta dello staff e lavora divertito nel parco acquatico, potendo essere finalmente se stesso.

Faxon e Rash portano sul grande schermo una storia delicata, un viaggio di formazione che unisce il genere della commedia con il genere drammatico, ricordando le atmosfere di film indie come Little Miss Sunshine o About a Boy. Accanto al giovane Liam James, un’ottima Toni Collette e un insolito Steve Carrell, lontano dai suoi ruoli comici e tuttavia convincente e anche a tratti odioso. Fondamentale e spassosa la partecipazione di Sam Rockwell nei panni del Peter Pan proprietario di un Water Wizz che, denunciando immaturità, si rivela più comprensivo e affettuoso di un padre per Duncan. Se cercate una storia originale, non è questo il caso, ma Faxon e Rash affrontano un tema già affrontato da altri film in precedenza in un modo convincente, leggero e che raggiunge il suo scopo. C’era una volta un’estate arriva nelle sale italiane il prossimo 28 novembre 2013.

 TRAILER

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA