questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Cannes: Viaggio in Italia di Roberto Rossellini!

Attualità

21/05/2012

Prosegue il percorso di PROGETTO ROSSELLINI, l’iniziativa voluta e realizzata da Istituto Luce Cinecittà, Cineteca di Bologna, CSC-Cineteca Nazionale e Coproduction Office, per riscoprire e mostrare nella sua più meritata veste l’opera di un autore, punto cardinale dell’arte cinematografica: Roberto Rossellini. Tre grandi istituzioni del cinema italiano e un autorevole distibutore internazionale uniscono le loro forze in un piano di restauro digitale complessivo di una parte centrale, e fondamentale, della filmografia del cineasta, e nella sua promozione e diffusione a livello mondiale.

Sono 10 i titoli che scandiscono il Progetto Rossellini, il cuore pulsante del suo cinema: Roma città aperta, Paisà, Germania anno zero, L’amore, Stromboli terra di Dio, La Macchina ammazzacattivi, Viaggio in Italia, La paura, India, La forza e la ragione. Dieci straordinari film che si avvarranno di un’opera di restauro digitale effettuato dalla Cineteca di Bologna presso il Laboratorio l’Immagine Ritrovata, con interventi specifici di stabilizzazione e pulizia delle immagini e sul suono, per riportare, al meglio delle possibilità tecniche odierne, la fotografia ed il sonoro alla brillantezza e ricchezza del loro stato originale, ed eliminare le imperfezioni causate dall’usura delle pellicole. Probabilmente, gli unici segni di usura che il tempo ha lasciato su questi film.

In seguito, grazie a Progetto Rossellini, i titoli verranno presentati con eventi speciali e dedicati nei più importanti Festival e rassegne internazionali, per restituirli nel loro splendore alle platee del mondo. Con Progetto Rossellini si colma un vuoto, quello che in anni di grandi ritrovamenti e restauri, di edizioni critiche e cofanetti DVD, vedeva la non sempre agevole reperibilità di copie, la mancanza di un progetto complessivo di restauro digitale, in una frase: il cinema di Roberto Rossellini come un grande disperso a livello di aggiornamento tecnologico. Ora, grazie al Progetto – che dopo i restauri delle pellicole negli anni ’90 con i classici processi analogici, impreziosisce e arricchisce i film con le più avanzate tecnologie digitali -  questo cinema non solo viene nuovamente restaurato, ma ritrovato e restituito come una novità, ossia una delle qualità peculiari dei film di Rossellini, ogni volta che li si rivede. Film che non solo hanno segnato la nascita e la consacrazione del Neorealismo, e ispirato cinematografie di Paesi diversi e generazioni successive, ma che hanno dato alla settima arte un’autonomia che non aveva prima, e la voglia e la capacità di somigliare alla vita. 

Terza tappa di Progetto Rossellini – dopo il debutto a Cannes lo scorso anno con La macchina ammazzacattivi, e India all’ultimo Festival di Venezia - che Istituto Luce Cinecittà, Cineteca di Bologna, CSC-Cineteca Nazionale e Coproduction Office sono orgogliosi di annunciare, è la presentazione alla 65ma edizione del Festival di Cannes di VIAGGIO IN ITALIA, film che come pochissimi altri merita il titolo di fondamentale per l’intera Storia del Cinema, segnando un confine visibile ancora oggi e per il futuro di ciò che si definisce “moderno”, e per cui un altro maestro come Jacques Rivette potè dire, a ridosso dell’uscita del film in Francia “Con l’apparizione di Viaggio in Italia, tutti i film sono improvvisamente invecchiati di dieci anni”.

Il restauro digitale della versione inglese di Viaggio in Italia è stato realizzato a partire dai negativi originali scena e suono conservati presso Cinecittà Digital Factory. I titoli di testa inglesi sono stati restaurati a partire da una copia positiva conservata presso la Cinémathèque Royale de Belgique. L'immagine è stata scansionata a una risoluzione di 2K. Dopo la scansione, le immagini sono state stabilizzate e pulite digitalmente eliminando i segni del tempo: spuntinature, righe, graffi e segni visibili di giunte. La posa ha cercato di restituire la lucentezza e la ricchezza della fotografia originale. Per il suono, dopo l'acquisizione si è potuta effettuare la pulizia digitale e la riduzione dei rumori di fondo causati dall’usura del tempo, mantenendo però la dinamica e le particolarità del suono originale. Il restauro è stato effettuato dalla Cineteca di Bologna presso il laboratorio L'Immagine Ritrovata nel 2012.

Cannes: Proiezione ufficiale, Mercoledì 23 maggio 2012 – ore 19.30 – sala Buñuel.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA