questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Cannes: in concorso Tournée di Mathieu Almaric

Attualità, Eventi

13/05/2010

E’ uno dei migliori attori in circolazione. Forse ve lo ricorderete come Dominic Greene, il cattivo di Quantum of Solace, l’ultimo 007. Ma Mathieu Almaric nasce come regista è gia al quarto film con Tournée – in concorso a Cannes – dopo Mange ta soupe (1997), Le Stade de Wimbledon (2002) e La Chose publique (2003). Come attore ha lavorato con i più grandi registi francesi da Alain Resnais a Arnaud Desplechin, oltre ad essere stato lo straordinario interprete del sublime Lo scafandro e la farfalla di Julian Schanbel. In Tournée – dove è regista e interprete - lui è Joachim, a Parigi fa il produttore televisivo e, come nella vita vera, ha due figli e una moglie. A 40 anni, però, dà un calcio ai legami (amici, figli, amori), vola negli Stati Uniti e riparte da zero. Ma è un viaggio di malinconia. In motel impersonali, in cui il volume troppo alto di musica e tv lo infastidisce, tra i generosi corpi tatuati di una compagnia di pazze spogliarelliste New Burlesque, proverà a ritrovare il calore perduto. Diventerà il produttore di queste ragazze e le seguirà nel loro tour per la Francia passando da Le Havre, La Rochelle, Nantes, Sète e Toulon. Costato 4.15 milioni di euro il film è prodotto da Les Films du Poisson e sarà distribuito in Francia da Le Pacte. Una storia intima, a tratti visionaria, di un uomo, un padre, un marito, un impresario, che cerca di far quadrare conti che non quadrano più.

Nato il 25 ottobre del 1965 a Neuilly-sur-Seine, Hauts-de-Seine, Mathieu Almaric è stato sposato con l’attrice Jeanne Balibar, da cui ora è separato, e ha due figli di otto e dieci anni Antoine e Pierre. Figlio di intellettuali francesi, suo padre Jacques ha lavorato come editorialista per quotidiani come Le Monde e Libération mentre la madre, Nicole Zand (di origini polacche proviene dallo stesso paese di Roman Polanski), è critica letteraria di Le Monde. Personaggio assolutamente fuori dagli schemi la sua frase più comune è: “Non voglio essere una star!”. “Passare due giorni in un albergo a rilasciare interviste non è proprio il mio obiettivo. Quello che amo è la vita vera, passare del tempo con i miei figli, sorprendere la mia ragazza portandola a Lisbona per un fine settimana, amare, vivere, come tutti gli esseri umani. L’unica concessione che ho fatto allo star system è l’avere accettato il ruolo del cattivo in 007 perché i miei figli se avessi detto di no, non me lo avrebbero perdonato”.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA